Bertoli risponde all’indignazione di Gobbi

Di

È con l’eleganza di un moschettiere col fioretto, che Manuele Bertoli, in un suo scritto, ribalta addosso a Norman Gobbi la sua indignazione per essere stato bersaglio dei soliti vandalismi che colpiscono quadriennalmente le affissioni politiche. Una cosa a cui siamo ormai abituati, ricordiamo solo i testi dileggiatori sui manifesti di Marina Masoni o di Filippo Lombardi.

Gobbi, in un post scrive (a corredo dell’immagine che riportiamo qua sotto):

“Predicano maggiore tolleranza e mi augurano la morte. Un (sorriso in emoticon) e tanta compassione per loro.”

Norman fa una cosa brutta. Accusa velatamente quelli che predicano tolleranza, si presume la sinistra, e usa quei metodi imparati da Salvini, mandando sorrisi e bacioni a chi lo critica. Ma Manuele Bertoli risponde al ministro:

“(…) Per questo voglio esprimere solidarietà al collega Gobbi per le ingiurie gratuite e le minacce che ha ricevuto di recente. Anch’io sono stato bersaglio numerose volte di atti ostili decisamente al di là del normale, non di rado anche dal Mattino della Domenica, e so cosa vuol dire. Forse se tutti dessero un esempio virtuoso, promuovendo una cultura del confronto democratico civile, si potrebbero evitare questi eccessi inutili.”

Insomma, Norman bello, non si può fare i piangina per due manifesti imbrattati e poi avere l’organo – non organo del partito, il Mattino, che spala letame ogni domenica sugli avversari, facendoli passare per semideficienti con le orecchie d’asino o il culo per aria. Ricordiamo inoltre che proprio il Mattinonline di Bignasca (poi condannato) era stato coinvolto come correo nelle minaccie di morte e gli insulti degli utenti della pagina leghista al ministro socialista. Dunque tutta questa gobbesca indignazione fa ridere anche le statue dei landamani a Palazzo Federale.

In tutta questa storia c’è comunque una differenza neanche tanto sottile. Bertoli non può dire a dei vandali anonimi di non prendere per il sedere Gobbi, mentre a Gobbi basterebbe una telefonata per farla piantare a Quadri di aggredire malamente il ministro socialista e tutti i poveracci che finiscono spazzolati ogni domenica dal Mattino.

Che dire? Indignazione a senso unico, n’est ce pas?

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!