Le paranoie demenziali di Marchesi

Di

Che uno sia di destra ci sta, ci mancherebbe. Che abbia le sue idee ballerine anche, idee un po’ paranoidi figlie dell’ideologia le abbiamo tutti in fondo. Però queste idee poi possono crescere come polli gonfiati di ormoni e diventare dei mostri, al punto che anche gli altri della tua parrocchia, quelli che le tue idee di solito le condividono, cominciano a guardarti stortino.

È il caso del presidente dell’UDC Piero Marchesi, che nella sua frenesia anti migranti e nel disperato tentativo di tematizzare solo e sempre l’inesistente ondata migratoria spara delle baggianate che se ti colpiscono in faccia ti stendono peggio di un quarto di bue congelato.

Cercando di farci credere che tutto è colpa dei migranti e degli stranieri, aveva già delirato non molto tempo fa, quando a un dibattito televisivo con tema l’edilizia e la cementificazione del Ticino, aveva dato la colpa ai migranti. La simpatica teoria partiva dal presupposto che: 1) i migranti arrivano; 2) qui rimangono; 3) devono abitare da qualche parte; 4) si costruiscono case per metterci i migranti. Ecco dunque, per Marchesi, il motivo del degrado edilizio e cementifero del Ticino.

Mica c’entrano un fico le speculazioni edilizie dovute in gran parte ai lobbysti UDC in parlamento, che sono 32. Mica pochi. (leggi qui)

Ieri sulla Regione Ticino, nella rubrica L’Opinione, in un altro vaneggiamento grandguignolesco, Marchesi attribuisce la colpa all’immigrazione pure dell’inquinamento. Scrive il complottista Marchesi, facendo sembrare i terrapiattisti dei seri scienziati:

“Questi partiti, non vogliono ammettere e affrontare quella che è la causa principale dell’aumento dell’inquinamento, l’immigrazione incontrollata (…) A causa della libera circolazione delle persone, negli ultimi dieci anni, la Svizzera è aumentata di 800’000 persone.”

A questo punto, anche i narcisi che fioriscono tre settimane prima e lo scioglimento dei ghiacciai sono colpa dell’immigrazione. Anzi, vogliamo fare i timidi? Suvvia. I chifer…avete notato che la loro piegatura è meno marcata? Colpa dell’immigrazione. I treni sono un po’ più in ritardo? Immigrazione. La Posta aumenta i prezzi? Mi sono finite le chiavi nel tombino? Immigrazione.

Le fonti di Marchesi sono certamente il WWF o Greenpeace, o meglio ancora l’ufficio federale di statistica, mica parlerà a vanvera, no?

Per fortuna ci siamo noi a dare una mano a Pierino nei suoi deliri, convinti che assecondarlo sia molto meglio che dargli contro, non vorremmo che le sue teorie contrastate con troppa foga lo portino verso una malsana e rovinosa violenza. Anche perché sarebbe colpa degli immigrati.

L’idea che la globalizzazione porti a un aumento naturale della popolazione e che la sovrappopolazione sia un problema mondiale, non sfiora l’integerrimo Marchesi, che vede nell’immigrazione solo un simpatico metodo per raccattare consensi, senza però risolvere una cippa, come nel caso di Prima i Nostri. (leggi qui)

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!