Norsemen

Pubblicità

Di

I vichinghi, da sempre un popolo pesantemente romanticizzato, sono stati spesso traslati nei media pop con vari gradi di accuratezza storica.

Probabilmente molti di voi conoscono “Vikings”, la serie capolavoro con Travis Fimmel come protagonista che racconta la saga dei figli di Ragnar, un antico poema norreno. Tuttavia, oggi parlo di un prodotto sicuramente meno conosciuto, più di nicchia, ma soprattutto nettamente meno serio.

“Norsemen” è una serie TV norvegese, i cui 12 episodi da 30 minuti l’uno sono stati filmati interamente in uno sperduto villaggio nella regione del Rogaland.

“Norsemen” è una commedia, che ironizza sui luoghi comuni della cultura vichinga e in particolare su quanto viene solitamente mostrato nei media.

Il cast annovera una serie di personaggi caricaturali e esilaranti: troviamo un attore romano pesantemente insoddisfatto del trattamento ricevuto nel campo vichingo e intenzionato a raggiungere il servizio clienti, accompagnato da uno schiavo che trova il suo lato zen nell’umiltà della vita da servo.

Tra le fila dei norreni, invece, c’è Arvid, l’enorme guerriero amante delle scorrerie ma inquieto e pesantemente irritato dalla saccenza espressa durante gli incontri di poesia a cui è obbligato a partecipare dalla moglie. O anche Froya, interpretata dalla culturista Silije Torp, che mal sopporta il suo smidollato marito incapace di seguirla nelle varie scorribande a cui partecipa.

La storia si dipana dopo aver introdotto i personaggi; agli inizi seguiremo i tentativi di fuga dell’insoddisfatto attore romano, o la missione di Arvid per ottenere una casetta sulla costa in cui stabilirsi, sfidando un minuscolo contadino a duello. O ancora, assisteremo alla bizzarra abitudine della comunità di costringere i vecchi a gettarsi da una rupe per non gravare sul villaggio, usanza flagellata da un sistema amministrativo non proprio efficiente.

“Norsemen” è una serie colma di violenza comicamente esagerata e di dialoghi tra il demenziale e il geniale. Un’esperienza leggera, veloce e divertente, in cui il surreale viene addirittura esaltato dalla scenografia e dai costumi tipici di storie molto meno ironiche.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!