Ossessione liberale

Di

Ti alzi la mattina, apri il telefonino e i banner del PLR ti irradiano la giornata. Poi inforchi la bici, vai al lavoro ed ecco che “faccioni” liberali li trovi su qualsiasi manifesto, anche gente sconosciuta, mai sentita nominare prima. Gigantografie che neanche i peggiori dittatori con il culto della personalità avrebbero approvato. Pausa caffè in ufficio. Sfogli il giornale. Decine di inserzioni pubblicitarie dei candidati. Un buon numero PLR. Ti rifugi nello zucchero, cercando di addolcire il caffè. Anche qui candidati liberali in bella mostra. Ormai saturo, approfitti della bella giornata decidi di prenderti il pomeriggio libero. Giretto con la bici da corsa. Ogni siepe ed ogni campo con i cartelloni piantati alla bella e meglio (spesso in barba alle norme pianificatorie che lo impediscono). A Gordola addirittura ti becchi lo striscione del direttore della SIC (finanziata con soldi pubblici) che fa bella mostra di sé dalla siepe della scuola. Vabbé, c’est la classe. Rincasi, abbandonando il telefonino fuori dal bagno, prendi la carta igenica e… fortunatamente a questo giro non ti sei ancora imbattuto nella carta igenica griffata PLR. Attimo di pace. Poi accendi la tv e ti trovi il furbone (ovviamente targato PLR) che fa la pubblicità per il suo caffé in TV, ma ovviamente tutti capiscono perfettamente che è un simpatico metodo per aggirare le norme che vietano le pubblicità politiche in televisione, che più del caffé viene sponzorizzata la persona. Vai a letto la sera e la moglie ti dice #facciamolo ed estrae i condom griffati giovani PLRT… a quel punto non ce la fai più e scappi di casa. Grazie PLRT per avermi rovinato l’esistenza.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!