I preti pedofili? Colpa del ’68

Di

Benedetto XVI, Papa emerito in pensione, novantadue anni suonati, ha ancora qualche cosa da dire. Riferendosi alla pedofilia nella Chiesa, dà la colpa ai moti sessantottini, che a suo dire sarebbero responsabili delle deviazioni sessuali sacerdotali.

Sta’ a vedere adesso che anche i preti pedofili nella Chiesa cattolica sono colpa della Sinistra. Non c’è mai fine ai delitti che ci possiamo prendere sul groppone, roba che neanche Simone di Cirene, quello che portò sul calvario la croce di Nostro Signore, aveva un fardello tanto greve.

È destino in fondo che sia colpa nostra per qualsiasi cosa: l’aumento del prezzo del latte come la carta da gabinetto che finisce in bagno. Ratzinger, soprannominato a suo tempo il pastore tedesco, questa volta però va un po’ tanto lungo, mettendo in imbarazzo i colleghi, che lo rivedrebbero volentieri a San Pietro in Vaticano, ma sotto 20 centimetri di alabastro in una cripta.

“Della fisionomia della Rivoluzione del 1968 fa parte anche il fatto che la pedofilia sia stata diagnosticata come permessa e conveniente. Quantomeno per i giovani nella Chiesa, ma non solo per loro, questo fu per molti versi un tempo molto difficile. Mi sono sempre chiesto come in questa situazione i giovani potessero andare verso il sacerdozio e accettarlo con tutte le sue conseguenze. Il diffuso collasso delle vocazioni sacerdotali in quegli anni e l’enorme numero di dimissioni dallo stato clericale furono una conseguenza di tutti questi processi”.

Scrive l’emerito e pensionato pontefice. Eh già, a fare i liberali poi succedono ‘ste cose. Una minigonna qua, un concerto dei Doors là, e subito si diventa pedofili. Che poi la pedofilia sia conveniente è discutibile. Tre bratwürst al prezzo di uno sono convenienti, insidiare infanti un po’ meno.

Forse il buon Ratzi dovrebbe applicare un’altra chiave di lettura, e cioè, che quel ’68, liberando donne e uomini da pastoie secolari, permise di portare alla luce pratiche che andavano avanti, coperte e insabbiate, da centinaia di anni.

Oggi comunque, sotto Bergoglio, sembra si stia facendo un po’ di pulizia. L’unico problema è che a furia di fare pulizia, come per gli scaffali polverosi non si finisce mai, e più ne togli più ne vola per aria.

Nel frattempo Ratzinger sarà tornato sulla sua sedia a dondolo dorata coi putti al posto dei braccioli a rimuginare sulle prossime colpe della sinistra. Pare che Giuda fosse affiliato al POLG, il Partito Operaio dei Lavoratori di Galilea.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!