I bebé mohammed non piacciono a Mattei

Di


Germano Mattei è caduto in preda al panico dopo aver letto che il nome più diffuso tra i neonati a Berlino è Mohammed. Il Mattei, recentemente estromesso dal Gran Consiglio, si sfoga impaurito, condividendo coi suoi amici il Mattei-pensiero:

“Che livel (Rigorosamente dialettale)! O che problema vi sta dietro? Non sono e non voglio esser razzista, ma sono pure fiero patrizio, e Patrizi si nasce.”

Vero, patrizi si nasce, ma questo non ci rende migliori. Conosco gente fierissima che non è patrizia di un fico secco e conosco patrizi che sono fieri come un carciofo bollito. Poi dai, Mattei, questa del “ non è per esser razzista…” non si può proprio più sentire. Comunque alcuni ragionamenti vanno fatti, soprattutto per sedare il terror-panico dei patrizi ticinesi che, come Ghiringhelli o Mattei, sono convinti che entro cinquant’anni qui si reciterà il Corano e i nostri figli si chiameranno Alì Franscella o Fatima Mombelli.

Berlino è città moderna e cosmopolita. La Germania ha la più grande comunità turca d’Europa, con circa 2,6 milioni di persone. Sono l’equivalente dei nostri italiani e portoghesi, gente migrata decenni fa i cui figli sono cresciuti in Germania parlando tedesco. Comunque i tedeschi contano 82 milioni di individui, il che riduce la percentuale dei turchi a circa il 3%. Inoltre, negli ultimi anni, la Germania, per vantaggi prettamente economici, ha accolto centinaia di migliaia di profughi siriani per via della guerra. Criteri economici legati all’ottima formazione tecnica e professionale dei siriani, che vanno a coprire ruoli lavorativi per cui in Germania scarseggia il personale.

Tra tutti i pregi, l’islam non ha quello della fantasia nei nomi propri, chiamarsi Mohammed (come il profeta) è l’equivalente di Carlo in Italiano, anzi peggio, a occhio un musulmano su tre si chiama Mohammed. Come d’altronde i Rossi, in Italia, contano ben 46’000 famiglie diffuse sul territorio. Tra questi Rossi ci sono atei, leghisti, comunisti, gay, etero, amanti degli animali e del kebab come del caviale o dei maglioncini di flanella. Insomma, non è che se ti chiami Spartaco guidi per forza una rivolta di schiavi o se ti chiami Karl sei inevitabilmente comunista.

È un po’ il motivo per cui nel Milanese tra i 20 cognomi più diffusi 4 sono cinesi, infatti il secondo è Uh, mentre il primo, si rassicurino gli emuli di Mattei, è sempre Rossi. Perché i cinesi sono tanti, ma siccome provengono di solito dalle stesse provincie sono facilmente parenti tra di loro e hanno lo stesso cognome (come quelli di Mesoraca in Ticino). Inoltre tendono a raggrupparsi nelle grandi città, come, appunto, Berlino o Milano. Dubitiamo che gli Uh o gli Wong siano così presenti anche a Rovello Porro

Per terminare, vorremmo dire a Mattei che tutti questi mocciosi Mohamned mica sono a Bellinzona o a Vogorno e che può dormire sonni tranquilli, che se anche invasione di Mohamned ci fosse, ragionerebbero in maniera variegata e differente come i patrizi.

Per esempio, io sono patrizio come te, Mattei ma la penso completamente all’opposto. Sono fiero di essere patrizio ma adoro la cucina etnica e mi affascina sentire raccontare da altre persone la loro cultura, sono curioso e aperto. Sono convinto, che a vincere sul lungo termine, non sono le etnie, ma le idee, e che quelle oscurantiste, ce lo insegna la storia, soccombono nel tempo a quelle più evolute e liberali, chiedilo agli antichi romani, che si sono poi grecizzati fino al midollo anche se erano loro ad aver invaso e conquistato l’Ellade.

Tanti auguri allora ai piccoli Hamed, Spartaco o Karl, che il mondo è bello perché è vario e non sono i neonati a guidare le invasioni barbariche.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!