Credevate Salvini invincibile?

Di

No, non lo è. È forte, certo, oltre che astuto e spregiudicato, ma non invincibile. E se la sinistra con Zingaretti in testa lo capisse, potrebbe cominciare ad azzannarlo ai garretti per rallentare ulteriormente la sua corsa, visto che ora è più occupato a difendersi dagli attacchi dei colleghi grillini di Governo che dall’esterno.

I sondaggi dicono che la Lega ha perso il 6% in un mese. I litigi continui con i pentastellati evidentemente non sono utili al Ministro dell’interno, che risulta in affanno. Diversi sono i motivi del rallentamento.

  • L’accerchiamento grillino. I Cinquestelle, stufi di fare gli utili idioti, si sono dati una scrollata e ora attaccano Salvini e la Lega a ogni piè sospinto. In più, anche Conte, che ha fatto il burattino fino ad ora, sembra avere ritrovato un po’ di dignità, anche conscio che il ruolo di primo ministro è suo, e se non vuole passare alla storia come uno dei più inetti, deve darsi una mossa. I recenti casi della revoca del sottosegretario leghista Siri per presunta corruzione, e il caso della Mare Jonio, la nave che ha sbarcato i suoi profughi (ricollocati subito in Europa da Conte) in barba ai “porti chiusi” di Salvini sono rappresentativi della nuova linea. Non si balla più al ritmo di Salvini.
  • La propaganda. Quella che sembrava una propaganda social inarrestabile, ha in sé un vizio di forma, per governare bisogna avere anche dei contenuti e dei risultati. Non posso infatti decantare il mio negozio promettendo sconti e offerte tre per due, e quando i clienti entrano lasciare completamente vuote le scansie. Questo sistema funziona sul breve termine, ma risente delle lunghe distanze.
  • L’arrivo di Zingaretti al PD, ha perlomeno arrestato la narrazione perdente del partito, che riesce a tenere nelle elezioni amministrative e a crescere anche con ragionate alleanze. L’interruzione di questa narrazione, non colpisce direttamente Salvini, ma corrode la sua storia da ipervincente. Diciamo che Salvini ha attuato una blitzkrieg con mezzi corazzati, e come i tedeschi si è trovato troppo avanti per rifornire i suoi mezzi di benzina. Il PD che perdeva, era benzina per le truppe salviniane, che ora si trovano un po’ disorientate senza un nemico in rotta totale. Nemico che peraltro è stato accantonato anche dai Cinquestelle, che ora si concentrano sulla Lega. Infatti, i pentastellati salgono nei sondaggi che li da al 25% contro il 30% della Lega e il 20% del PD.

Salvini ha perso? Ferma, ferma… È ancora saldamente in sella. Molto dipenderà dal prossimo futuro, di sicuro ha perso smalto e non poco. Sarà l’abilità dei suoi avversari, più che la sua capacità, a decretare cosa succederà dopo le elezioni europee, tenendo presente che Salvini non avrà il sostegno dei sovranisti delle altre nazioni così come sperava.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!