Una pioggia di soldi pro pesticidi

Di

L’allarme lanciato da una ricerca resa pubblica il mese scorso sottolineava come oltre il 90% dei terreni coltivati con criteri biologici è comunque contaminato. Sarà che i dati riguardo all’utilizzo di pesticidi e alla loro presenza nei terreni, anche quando questi veleni sono ormai stai banditi da anni, è desolante (leggi qui), fatto sta che finalmente qualcosa si sta muovendo. Attenzione però, perché accanto alle iniziative sulle quali saremo chiamati presto a votare, c’è chi con la chimica e suoi derivati ci fa affari. Ci campa allegramente e non se n’è stato con le mani in mano. Anzi. Perché queste guerre, quelle di natura economica, si combattono così. A suon di soldi e di propaganda.

La cooperativa bernese Fenaco, gigante del commercio controllato dal settore agricolo, ha infatti deciso di investire la modica somma di 200’000 franchi per annacquare e screditare le iniziative popolari denominate “Per una Svizzera senza pesticidi sintetici” e “Acqua potabile pulita e cibo sano”. Due richieste sacrosante, soprattutto la seconda, che però non avranno vita facile dato che si scontreranno con un mondo e un’abitudine, quella di fare pesantemente uso di anticrittogamici nelle monocolture agricole, che non hanno nessunissima intenzione di cambiare rotta.

A confermarlo sono proprio le parole dell’amministratore delegato del gruppo Fenaco. Martin Keller, in un’intervista, ha dichiarato che a rischio ci sono le attività economiche dei loro affiliati. Non a caso l’Unione svizzera dei contadini conta d’investire complessivamente un milione di franchi nella campagna denominata “Proteggiamo ciò che amiamo”. La convinzione di chi si oppone al bando dei pesticidi chimici è che le due iniziative mineranno la produzione agricola e quindi anche i guadagni. Inoltre non sarebbe assolutamente possibile garantire gli attuali livelli di resa e di “qualità” vietando i pesticidi chimici di sintesi, ha sottolineato Keller.

Peccato che siano stati proprio questi parametri qualitativi e di produttività ad aver reso necessario l’impiego massiccio e a volte perfino indiscriminato di sostanze chimiche pericolose per la salute umana. Pesticidi che piuttosto regolarmente ritroviamo negli alimenti che finiscono nel nostro piatto. Veleni che, pur presenti in dosi a norma di legge, sempre veleni restano. Ecco perché, in questa battaglia, necessaria per ottenere soprattutto un cambio di mentalità e di abitudini, il primo passo è proprio quello di riuscire a vietare o quantomeno a disincentivare l’uso di pesticidi di sintesi nella produzione, nella trasformazione di prodotti agricoli e nella cura del suolo e del paesaggio. Lo stesso discorso, tra l’altro, vale anche per gli antibiotici utilizzati nell’allevamento.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!