Murgia di nuovo nel mirino

Di

Michela Murgia ha ormai l’onore di essere finita nella lista dei nemici ufficiali di Salvini, ovvero quegli intellettuali o politici che sono stati additati al pubblico ludibrio dei suoi followers. Persone come Roberto Saviano o Laura Boldrini, che fanno scattare riflessi pavloviani negli haters leghisti.

Questo onore comporta un trattamento speciale. È sufficiente un’alzata di sopracciglio da parte del ministro dell’Interno per fare partire bordate di contumelie, insulti e minacce.

La Murgia già in passato, grazie anche alle risposte taglienti ed articolate a Salvini, era stata presa di mira (leggi qui).

È risuccesso, in un copione ormai stantio, dove un gruppo di sostegno a Salvini ha pubblicato un intervento che la scrittrice aveva espresso a “Repubblica delle idee”, la kermesse bolognese del giornale recentemente svoltasi.

È bastato questo per avere per ore minacce di stupro, insulti, e minacce di morte, in un crescendo a cui i sostenitori di Salvini ormai ci hanno abituati. Scrive la Murgia:

“Le pagine di sostegno al governo leghista che consentono questo linguaggio – al di là delle intenzioni dei commentatori – hanno come scopo l’intimidazione. Non tanto rivolta a me, che ho sempre detto quello che penso e continuerò a farlo, ma a chiunque possa pensarla nello stesso modo e abbia intenzione di dirlo apertamente, in modo particolare se donne.  
Lasciare questa sequenza di commenti in un gruppo aperto dedicato a Matteo Salvini, manifesta l’intenzione di ‘punirne una per educarne cento’, facendo vedere a tutti – e soprattutto a tutte – cosa succede a chi ha idee diverse dalle loro e si permette di manifestarle apertamente. Questo comportamento ha un nome: si chiama squadrismo ed è l’espressione pratica della violenza come metodo politico. Qualunque leader politico democratico – specialmente uno che fa spendere ai cittadini 404 mila euro all’anno di stipendi per pagare chi si occupa della sua comunicazione – si dissocerebbe immediatamente da chi usa metodi simili. Il ministro degli Interni, che di solito è pronto a twittare su qualunque cosa, invece in casi come questi tace”. 

A un giorno dallo sciopero delle donne, non possiamo che essere vicini a Michela, perché la disparità di genere passa purtroppo anche attraverso le minacce. Perché certo dissenso spesso va a colpire le donne in quanto tali e usa i canoni mostruosi e beceri della violenza maschile.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!