L’anello di Carvilio

Di

Un’importante scoperta archeologica ci regala un gioiello di inestimabile fattura e al contempo apre uno squarcio in un’età antica in cui uomini e donne soffrivano come oggi.

Nella cintura romana, sulle colline c’è Grottaferrata, il più vasto Comune dei Castelli romani. Come tutti i Comuni che circondano l’Urbe, custodisce ancora nascosti chissà quali segreti. Ogni romano in fondo lo sa, che quando affonda la vanga nell’orto può riportare alla luce un monumento, un tempio o un sepolcro

Ed è quello che capita in uno scavo privato una quindicina di anni fa. I lavori portano alla luce una tomba. Sepolti un uomo e una donna, la donna sulla quarantina e il maschio intorno ai diciotto anni. Qui comincia l’indagine e l’archeologia lentamente strappa le informazioni ai corpi e alle pietre. Dentro il sepolcro sigillato con puntelli metallici, gli archeologi scoprono due enormi sarcofagi di marmo bianco riccamente incisi e lavorati. All’interno due corpi, evidentemente appartenenti all’aristocrazia romana.

I due corpi sono parzialmente mummificati, una pratica non usuale nella Roma di allora e che fa presumere che i due fossero seguaci del culto isideo egiziano. Le iscrizioni ci rivelano i loro nomi, e così per magia, quei due corpi diventano persone: Aebutia e Carvilio, madre e figlio.

Pietosamente riuniti nella morte, che hanno attraversato i secoli per raccontarci la loro storia.

Possiamo immaginarli, diafani fantasmi mentre scivolano intorno agli archeologi, insinuando in loro le giuste ipotesi o la strada da seguire.

È al dito di Aebutia Quarta che gli uomini delle pietre trovano un gioiello fantastico e affascinante al tempo stesso. La sua fattura rimanda quasi sicuramente a un maestro dell’oreficeria imperiale o comunque a una persona abilissima nel confezionare i gioielli tanto amati dalla nobiltà romana. Solo vedendolo si intuisce qualcosa di profondo e strano, quel volto incastonato nel cristallo ha qualcosa di magnetico e torbidamente seducente.

Il minuscolo ritratto è stato inserito nella montatura dell’anello in oro e poi ricoperto da cristallo di rocca. I riflessi ambrati ci riportano quasi una visione spettrale, un viso minuto e affilato, dal naso pronunciato. Un volto che incredibilmente diventa sempre più definito man mano che lo si guarda. Sembra chiamarci dal profondo (de profundis clamavi…) per raccontarci la sua storia, che è sigillata nelle tombe. Quel volto è probabilmente quello dello stesso Carvilio, morto di setticemia o di avvelenamento da arsenico, che la madre in preda al dolore, volle tenere sempre al dito. Un anello pregiato e anche poco usato, perché vista l’età dei soggetti, la madre non sopravvisse a lungo al figlio.

Aebutia reincontrò il suo bambino Carvilio condividendone anche la stagione della morte. In entrambi i sarcofagi sono stati infatti rinvenute ghirlande di fiori estivi, gigli, rose viole, ad accompagnare dolcemente nell’Ade i due patrizi.

A noi rimangono, nel museo di Palestrina, quel meraviglioso gioiello e quel volto che da quasi 2000 anni osserva immoto il buio. Oggi riportato alla luce, sembra fissarci e il disagio è palpabile, tanto particolare è la fattura.

Il bello che ci regala però l’archeologia è lo scavare nella vita delle persone, che come noi soffrivano, piangevano e ridevano. Persone vissute in un periodo dove la morte era compagna giornaliera ma non rendeva per questo meno potenti gli affetti. Ecco perché per noi non è difficile immaginare Aebutia mentre abbraccia disperata il corpo del figlio, mentre con occhi infossati e rossi prega il maestro orafo dell’imperatore di fabbricarle un ricordo del suo bambino che sia magnifico e immortale.

Noi, con umiltà e umanità, esponiamo il volto di Carvilio, come omaggio a sua madre, perché l’archeologia è anche pietà e amore per quei resti che spesso ci raccontano storie incredibili e lontane nel tempo, ma vicine nell’anima.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!