Siccardi del Tennessee

Di

Medacta col vento in poppa, sbarca negli States, e si insedia come novella colonizzatrice in terra americana. Solo un dubbio sorge spontaneo, perché in Tennessee e non nella Silicon Valley o a New York?

La notizia è di ieri, Medacta di Siccardi, la cassaforte deambulante dell’UDC, che finanzia metà delle campagne del partitello di Marchesi, quello che i frontalieri sono meglio dei ticinesi e che pagare tanto la gente è un peccato mortale, ecco, quello lì, arriva negli USA.

In Tennesse, la ditta di Castel San Pietro spenderà 2,5 milioni di franchi creando 50 posti di lavoro.

Lì però i frontalieri non ci arrivano, a meno che i disperati vicini del Kentucky non decidano di correre in massa ad occupare quei 50 posti.

Nashville, dove si insedierà la ditta, non è proprio conosciuta per l’economia di punta ma più per la musica. Quasi la metà dei suoi 700’00 abitanti infatti, lavora direttamente o indirettamente per l’industria discografica o nel settore dell’intrattenimento musicale. Cosa c’entrino le protesi con la musica non si sa, ma Siccardi è mica scemo, c’avrà avuto i suoi vantaggi.

Una bella cosa in fondo, no? Una ditta svizzera, ticinese, che sbarca negli USA. Oddio, non è che a noi ce ne venga qualcosa in saccoccia, è solo una questione di bandiera, di onore insomma. Come lo fu ad Alamo, dove i volontari del Tennessee, al comando di Davy Crockett si immolarono fino all’ultimo uomo sulle baionette dei soldati messicani di Santa Ana. Mica erano tutti bovari texani i martiri di Alamo.

Ma perché, dicevamo, divagazioni storiche a parte, Nashville nel Tennessee? Uno Stato le cui economie trainanti sono la coltivazione del cotone e l’allevamento del bestiame? Facciamo un pratico ed agile quiz estivo, che solo i più accorti e politicizzati, nonché pratici di economia, sapranno risolvere.

Perché Siccardi con la Medacta apre una filiale in Tennessee?

  1. Perché adora il bluegrass e l’honky tonk, e i musicisti nella foga spesso si sminchiano le articolazioni, Siccardi ha deciso così di dare una mano (o meglio una rotula) nell’intento di regalare anche a noi una cascata di suggestive note countrymade in USA.
  2. Perché Siccardi (ormai anzianottto)ama i procioni, di cui lo stato del Tennessee è ricco, e così ogni volta che va in ditta può recarsi al parco naturale delle Great Smoky Hills a dare da mangiare ai piccio…procioni, pardon.
  3. Perché il Tennessee è nel gruppo di coda degli Stati americani (al 42esimo posto su 56), con un reddito pro capite di 51’00 dollari annui (in Maryland ne guadagnano 80’000) , non esiste salario minimo statale e ci si rifà perciò al salario minimo federale di 7 dollari e spicci. Pensate che i generosi mandriani dell’Arizona hanno un salario minimo di 10 dollari e 50

Per aiutarvi vi do un paio di indizi: Siccardi ascolta solo musica neomelodica napoletana e sua moglie odia i procioni. Mandate la soluzione con una comoda cartolina postale direttamente ad Alberto Siccardi. Ai vincitori in premio un femore in fibra di carbonio con inserti in titanio.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!