Violentati, umiliati, uccisi e bombardati

Di

Una quarantina di morti e almeno il doppio di feriti. È questo il bilancio del bombardamento del centro di detenzione per migranti di Tajoura, alla periferia di Tripoli. È accaduto tra martedì e mercoledì nel corso di un attacco aereo. Il governo di Serraj, riconosciuto dalle Nazioni unite, ha subito fatto sapere che dietro a quest’azione ci sarebbero le milizie del maresciallo Khalifa Haftar. Da tempo la città libica è un campo di battaglia. Un portavoce dell’esercito di Haftar ha però negato un suo coinvolgimento nell’operazione volta alla conquista di Tripoli.

A prescindere da chi sia il mandante, si tratta comunque della cronaca di una strage annunciata. Della vergogna di un’Europa che ha deciso di affidare alla Libia, a un Paese dilaniato da una guerra civile, la gestione dei migranti. Rinchiusi in strutture fatiscenti e in condizioni il più delle volte disumane. Decine d’indagini condotte dalle organizzazioni umanitarie riguardo allo stato dei migranti all’interno dei centri di detenzione, riferiscono di violenze fisiche e psicologiche, di denutrizione, di condizioni igieniche allucinanti e del traffico di uomini e di donne in cui è coinvolta la stessa guardia costiera libica incaricata di bloccare il flusso di migranti nel Mediterraneo.

Così, di fronte a tutto questo, di fronte a una situazione che da tempo si protrae per inerzia o peggio, c’è un’unica domanda che mi assilla. Che torna tutte le volte. Ma quanti morti ci vorranno ancora? Dopo gli ultimi 40 e le migliaia di affogati in mare, quanti ce ne vorranno ancora perché le cose finalmente si chiariscano e ci si regoli di conseguenza? Perché un costo, in vite umane, c’è sempre. Che siano sei milioni di ebrei o tre disgraziati che vengono investiti sulle strisce di un passaggio pedonale illuminato male, poco cambia. Ciò che conta è invece la capacità di saper agire di conseguenza. La volontà di farlo. Di rimediare alla barbarie. A questa immane mattanza.

Quest’anno, un migrante su quattro, di quelli che hanno tentato la traversata su mezzi di fortuna, è morto in mare. A giugno la guardia costiera libica ha intercettato e riportato in Libia 1544 persone. Alcune di queste sono finite proprio nel centro di Tajoura. Nelle scorse settimane poi, quando la Sea Watch 3 del capitano Carola Rackete attendeva di poter sbarcare a Lampedusa, qualcuno che ben conosciamo le ha intimato più volte di tornarsene indietro, a Tripoli, città che le aveva accordato la sua accoglienza. Una città in guerra da anni dove si bombardano i centri di accoglienza. Oppure dove i migranti muoiono per le violenze e le torture subite. Smettiamola perciò di farci raccontar balle come quella dei “porti sicuri”. Basta solo la volontà di farlo. Basterebbe un briciolo d’umanità. O quanti morti ci vorranno ancora?

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!