5G, la vendetta

Di

Riprendendo le domande che aleggiano attorno all’argomento (leggi qui) e allargando il discorso del 5G, anche i farmaci possono far male, ma la vendita degli stessi è supportata da informazioni obbligatorie sui rischi, notizie non opzionali, né marginali che per una consapevolezza sull’effetto debbono essere lette. Non si può mettere in commercio un prodotto senza che la popolazione sia informata sui rischi per la salute, a maggior ragione vale se l’esposizione e il consumo passivo non può essere evitato. Non sarebbe forse questo anche il caso del 5G e dell’elettrosmog?

Per l’Organizzazione mondiale della sanità(Oms) i campi elettromagnetici dei dispositivi mobili potrebbero essere cancerogeni. Le antenne emettono più radiazioni di un dispositivo mobile, ma bisogna pur dire che il 95% delle radiazioni a cui si è esposti è dovuto proprio al cellulare, perché con quest’ultimo trascorriamo più tempo e ci è più vicino. Martin Röösli professore dell’istituto tropicale di salute pubblica a Basilea afferma che: “Le onde millimetriche sono quasi completamente assorbite dalla pelle”. Quindi non entrano negli strati profondi del corpo ad intaccare gli organi interni. Allora così stiamo tranquilli, al limite ci becchiamo un melanoma.

Poi, per carità, uno vive una vita sotto il palo dell’alta tensione e con l’antenna 5G in giardino, ed oltre a essersi beccato uno sbarlazzo di soldi per essersi immolato alla tecnologia, muore perché gli cade una tegola in testa. L’incidenza e la causalità son quelle che fan pesare l’ago della bilancia delle statistiche. Perché questo siamo, una cifra da inserire che serve a implementare una statistica con tante altre bellissime cifre come noi… in fila per due con il resto di tre!

Allora siamo diventati tutti dei fanatici invasati per cui qualsiasi emissione, sarebbe nociva? Parliamone! L’incidenza di alcuni tipi di tumore è molto più frequente in ambienti ricchi di smog elettromagnetico e se facciamo il triage della situazione in questo momento in un preciso quartiere di Bellinzona, lo stesso, pregiandosi della presenza di un inceneritore produttore ed emettitore di polveri fini e della nuovissima antenna di ultima generazione, scopriremo un luogo magico un po’ come il Triangolo delle Bermuda. Manca solo l’ottovolante con il giro della morte e non devi neanche sforzarti, perché qualcosa inevitabilmente succederà.

Ormai è tardi, le concessioni sono state date e gli appalti decisi. Non si torna indietro, o meglio si potrebbe, ma non lo si fa. Non si cambia idea. Cambiare idea è sinonimo di intelligenza e noi queste cose non le facciamo! Les jeux sont faits. Rien ne va plus! Di qualcosa si dovrà pur morire. Da animali temerari eccoci ridotti a omuncoli remissivi, sacrificati sull’altare della tecnologia.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!