Parlateci di…

Di

Parlateci dei terremotati che 16 mesi fa stavano nelle stesse condizioni di oggi. Sapete quei terremotati che citate sempre quando dovete fare del benaltrismo?

Parlateci dei fondi tagliati alla cooperazione internazionale, non siete quelli dell’ “aiutiamoli a casa loro?”

Parlateci del Sindaco di Legnano, arrestato per tangenti.

Parlateci del Sindaco di Adro, arrestato per turbativa d’asta.

Parlateci del primo Sindaco che siete riusciti a eleggere in Puglia a maggio e che a luglio era già ai domiciliari per concussione, peculato e abuso di ufficio.

Parlateci di Armando Siri. Parlateci del vice Ministro all’economia indagato per danno erariale. Parlateci dell’ attuale capogruppo al Senato condannato a 1 anno e 8 mesi per le spese pazze in Regione Lombardia.

Parlateci dei risparmiatori truffati dalla banca CrediNord dove c’eravate dentro mani e piedi. Parlateci di come si prendono le lauree in Albania. Parlateci della gestione economica di Radio Padania. Parlateci di che fine ha fatto la promessa del taglio delle accise sulla benzina. Parlateci del perché avete saltato in Europa 22 riunioni di negoziato su 22 per rivedere il trattato di Dublino.

Parlateci di come siete passati dal cappio sventolato in Parlamento a far finta di nulla davanti a 49 milioni di euro spariti. Parlateci dei diamanti in Tanzania. Parlateci del vostro rapporto con i rubli. Parlateci degli abbracci con gli ultras poi arrestati per traffico di droga. Parlateci del perchè il Ministro degli Interni non ha voluto che i giudici indagassero sul suo comportamento in merito al caso della nave Diciotti. Parlateci della crisi di Governo più ridicola dalla nascita della Repubblica.

Parlatecene, perchè non si potrà mica campare a vita sulla pelle di quelli che fate marcire in mare sulle navi delle ONG.

Luca Paladini

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!