Gli omosessuali sono di Dio

Pubblicità

Di

Ce lo doveva dire la Chiesa: “Come ogni cosa, anche l’omosessualità è stata creata da Dio”. Si tranquillizzino baciapile e bigotti cattolici, sono gli evangelici a sancire l’apertura ai matrimoni religiosi omosessuali.

Non ribaltatevi dalla sedia, non è la Chiesa di Lazzeri o del Papa, non il cattolico romano giogo che da duemila anni pesa sulle nostre groppe. È la federazione delle Chiese evangeliche svizzere, compresa la Chiesa evangelica riformata ticinese, per bocca del suo rappresentante Gottfried Locher, a ribadire ciò che dovrebbe essere ovvio per tutti noi: “come ogni cosa, anche l’omosessualità è stata creata da Dio”. Che si creda o no, questo è un segnale forte che però, come troppo spesso, viene da nord, quando ancora pochi giorni fa al lido di Gallipoli un gruppo di omosessuali e alcune ragazze trans milanesi sono state allontanate da un buttafuori del bagno gridando: “Ma perché voi froci e trans non ve ne state nei posti vostri?”

Quali sono i posti loro? Per il rozzo buttafuori, implicitamente non i suoi, non quelli della folta rappresentanza etero con le belle famigliole in rivista balneare.

Questo gesto importante, dunque, permette la totale parità con gli etero, assimila gli omosessuali in maniera definitiva e totale, li rende invisibili al ludibrio in quanto compagni e creature di “Dio”, questo almeno per gli evangelici, quelli che con sprezzo i cattolici hanno chiamato per quattro secoli “protestanti”. Non ci illudiamo, la strada da fare è ancora lunga, basta il Salvini di turno per fare tornare indietro di vent’anni le lancette degli orologi e farci vedere spettacoli incresciosi come quello di Gallipoli, o di tanti altri posti a noi più prossimi.

Al contrario della fede evangelica, complice di questo astio è soprattutto la religione cattolica, che nonostante le timide (e coraggiose, ammettiamolo) aperture di Bergoglio, si erge ancora a baluardo come le mura di Jericho, e non ci sono trombe che sembrino incrinarne i calcinacci.

GAS ha una forte componente atea e anticlericale, ciò ci permette di gioire non tanto per i matrimoni religiosi, quanto per il bel segnale, forte e coraggioso che hanno dato le chiese evangeliche svizzere. Un segnale di accoglienza e amore, ma anche di “protesta”.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!