Il cervello bionico è qui

Quelli che noi chiamiamo in dialetto i “tarlöbbia”, ovvero gli scemotti, gli incapaci, hanno oggi una speranza in più. Grazie ad Elon Musk, lazzaroni e persone poco amanti dello studio potranno vedere la luce senza chinarsi sui libri (cartacei o digitali che siano).

Di

È Elon Musk, il visionario imprenditore sudafricano, papà di Paypal e di Tesla, a fornirci la soluzione alle difficoltà di apprendimento o alla pigrizia. La soluzione, che mette in realtà un po’ a disagio, è in un piccolo dispositivo-protesi simile a un apparecchio acustico.

Dal marchingegno attaccato alla testa, si dipanano dei fili sottili come capelli che, attraverso un foro di otto millimetri s’infilano nel cranio e, iniettati, s’interfacciano con i neuroni.

L’apparecchietto rileverà i nostri pensieri, potenziandoli:

“Alla lunga potremmo creare un’interfaccia cervello-macchina completa per ottenere una sorta di simbiosi con l’intelligenza artificiale”

Ci racconta Elon tutto felice. In poche parole, l’obiettivo di Musk è, col tempo, di creare un rapporto uomo-macchina wireless che renda in pratica quasi inutile studiare. Musk garantisce che sarà una svolta per il genere umano.

A noi, timidi e ignoranti self-made man, gente che si è fatta da sola sui banchi di scuola e lavorando la notte, questa storia mica va tanto giù. Certo, evviva il progresso, è però inevitabile sentirsi a disagio al pensiero che la fatica che ci forgia possa essere vanificata da un aggeggino impiantato nel cervello, un ponte a due vie tra uomo e macchina, dove l’uomo perde ogni giorno e sempre più la sua essenza.

Pure Musk è preoccupato e l’ha pure dischiarato, insieme con altri capoccioni della Silicon Valley, per l’evoluzione delle intelligenze artificiali, che potrebbe essere imprevedibile. Neuralink, la società creata da Musk, è però convinta di poter tenere a freno i lati potenzialmente minacciosi di queste entità neurologiche digitali.

Sono antiscientifico e retrogrado? Forse sì. Ma ogni giorno che passa ho la sensazione che l’uomo non viaggi di pari passo con le sue scoperte scientifiche e che la velocità con cui progredisce la tecnologia, non ha un corrispettivo morale ed etico nell’interfaccia uomo.

I Cro Magnon che ieri offrivano il cuore di un bue muschiato alla Luna, oggi gironzolano per i centri commerciali su monopattini elettrici e monoruote basculanti, con minicomputer di nuova generazione che li collegano 24 ore su 24 a tutto il mondo e a tutta la conoscenza possibile. Eppure sono sempre lì, gratti la crosta e ricompaiono gli spaventati e violenti antenati che calcavano le tundre durante le ere glaciali, quando l’interfaccia dell’uomo erano la natura, il mammuth, il rinoceronte lanoso, la tigre dai denti a sciabola. Allora ascoltavamo il mormorio dell’acqua e il fischiare del vento tra le alte erbe ed eravamo qualcosa di uguale ma diverso, qualcosa di più sano e meno invasivo per il nostro pianeta. O forse no, e da quando abbiamo cominciato a pensare, abbiamo iniziato a distruggere.

La nostalgia fa parte di ogni generazione. Ogni volta che passiamo il testimone, abbiamo inevitabilmente il pensiero che qualcosa di bello e importante è andato perso. A volte sono solo sensazioni nostalgiche, a volte è verità. Rimane la certezza che quelli come Elon, visionari e sognatori, ma anche invasati di tecnologia, possano in realtà solo ulteriormente degradare una specie che non ha i mezzi psichici, etici e morali per accogliere questa tecnologia. Come si dice? Ai posteri l’ardua sentenza, anche se non sappiamo chi saranno, a questo punto, i nostri posteri.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!