Breve storia triste

Di

Greta Gisyn non ci sta, e con numerosi altri internauti seppellisce Alain Bühler, l’eterno trombato UDC, dopo che quest’ultimo ha postato l’ennesima foto fake sulle proteste di piazza a favore del clima.


Sotto accusa la solita immagine, che i detrattori delle manifestazioni per il clima postano a bizzeffe dopo i cortei. Questa in particolare è un falso che gira da giorni e raffigura dei ragazzi con attorno una massa di sporcizia in strada. È la stessa Gysin candidata agli Stati e al Nazionale per i Verdi a spiegarlo: 

“Piccola storia triste,

Alain Bühler pubblica una foto di un cestino strapieno, mettendolo in relazione alle manifestazioni per il clima. Le foto però, essendo datata e scattata a Napoli in una strada dove non è passata nessuna marcia per il clima, non c’entra nulla con le manifestazioni. Glielo fanno notare, ma lui mica la cancella. Anzi si difende con un improponibile “non ha mica scritto che si tratta di Roma”, ma, insomma, questi sono i giovani di oggi.
Una falsa notizia, una manipolazione della realtà, dunque, condivisa però 287 volte. Gente che continuerà a non fidarsi della scienza, ma a credere ad Alain Bühler.”

Rincara la dose con notevole arguzia Andrea Ghisletta, candidato anche lui nei ranghi della GISO per il Nazionale, ed è lapidario: “Alain Bühfaler”

Cambiano i personaggi ma la storia è sempre uguale, come quando questi stessi individui postavano l’ennesimo video sui migranti delinquenti, si faceva notare loro che era un fake e questi rispondevano: “si, non è vero ma sarebbe potuto succedere”. Con uno stile di ragionamento così, la dialettica e il ragionamento sono morti e defunti. Bühler e accoliti sono peggio delle tifoserie calcistiche, completamente accecati dalla propria fede al punto che le ragioni degli altri sono viste unicamente come un’aggressione alla propria squadra, e qualsiasi mezzuccio, anche se falso, è ritenuto giustificato pur di intortare l’elettorato.

Le risposte di Bühler e dei suoi sgherri sono patetiche, disoneste, chiaramente in malafede e completamente prive di un barlume di logica. Chi posta foto false sapendo di farlo mente, e se si arriva da ammetterlo velatamente, come fa Bühler, conferma che non gliene frega niente e fa di questo agire una regola della dialettica. Questa è l’UDC, questi sono i ragionamenti perniciosi, controtendenza, che ignorano le tesi del 98% della comunità scientifica per dare retta a quegli ormai sporadici quattro “scienziati” prezzolati da industrie petrolifere e carbonifere che negano quello che riusciamo a vedere tutti noi che gli occhi non li abbiamo coperti di fette di salame.

Le manifestazioni come quella di sabato bruciano tanto a quelli come Bühler, perché si rendono conto che non riescono a capitalizzarle e stavolta l’esponente UDC è andato lungo. Nonostante si trovi sulla sua pagina, la maggioranza dei commenti sono indignati per l’utilizzo plateale di una foto falsa al fine di sostenere non si capisce bene quale tesi: i giovani sono brozzoni? Sono falsi? Chi manifesta per il clima è un incoerente? (figuriamoci Bühler, campione di coerenza). E poi non si capisce una cosa, se anche fosse sporcizia, questo cambia le condizioni del pianeta e i livelli drammatici di anidride carbonica?

Decine e decine di internauti, chiedono conto a Bühler del suo agire, e infatti poco dopo appare un post chilometrico dove lo stesso esponente UDC cerca di spiegare, incartandosi ancora di più, il suo pensiero anti-Thunberg. Poi come nella topica frase “io non sono razzista ma…” ha parole anche per i ragazzi, naturalmente dopo averli ripassati ben bene ed averli tacciati di incoerenza, incapacità, pigrizia e di essere viziati: “Detto ciò, è lodevole che i giovani si attivino e manifestino per un ideale..”. una frase che suona falsa come una moneta di rame. Anche perché per capire gli ideali, bisognerebbe averne.

Lascia pur perdere, Alain, delle tue false lodi questi ragazzi non se ne fanno nulla, e torneranno in piazza per protestare, soprattutto finché quelli come te useranno metodi disonesti nella discussione politica per tirare acqua (torbida) al proprio mulino.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!