Galeazzi, non dare lezioni di etica

Di

Tiziano Galeazzi, UDC, entra nell’annosa querelle tra i gestori del CSOA Il Molino, ovvero i “molinari” e il municipio.

Non usa mezzi termini il Galeazzi, usando i soliti slogan da nonna, che magari funzionano anche, visto che Lugano è una delle città più anziane della Svizzera.

“Mi auguro poi non più sulle spalle dei contribuenti ticinesi. Vadano a lavorare e a guadagnarsi la ‘michetta” come tutti noi”.

Un po’ ingeneroso il Galeazzi. Primo, perché non conosce chi si occupa dell’autogestione. L’assioma: autogestione = lazzaroni, è un po’ vetusto e sa tanto di anni ’60. Chi si occupa, gratuitamente, della gestione del Molino, viene da diversi strati sociali e ha diversi gradi di benessere, non escludo che tra di loro ci sia qualcuno magari senza impiego o con scarse disponibilità finanziarie, ma di sicuro queste persone fanno un lavoro di volontariato per piacere, un po’ come te quando vai di notte a raccogliere rospi (bravo) e ci fai 25 selfie per dirlo a tutti.

Cercare di convincere Galeazzi o i suoi amici non serve a nulla, hanno le loro idee, che sono rispettabili, per l’amor del cuore immacolato di Maria, ma antitetiche alle nostre. Non possiamo convincerli, ma possiamo contrastarli e vendere un’altra realtà, una realtà, come scriveva un internauta:

“…ribadiamo che il CSOA ha un contratto, che paga luce e acqua ma soprattutto produce relazioni, cultura e solidarietà con impegno civico che molti ben pensanti manco di sognano di erogare… ps ci sono professionisti, studenti, artigiani, giovani e quant’altro, di che cosa parla Galeazzi?”

Dunque non proprio degli squatter nullatenenti dediti ai piaceri della droga o dell’alcool che si rotolano tra pulciose coperte nei sottoscala del Molino. Queste persone, come dicevo, vengono da diversi strati sociali e hanno diversi gradi di benessere, ma hanno il senso della collettività e dell’altruismo.

Galeazzi la pagnotta se la guadagna come fiduciario, e se la guadagnava anche quando era stato indagato nell’ambito dell’inchiesta italiana “pecunia olet” (leggi qui). Poi il buon Tiziano ne è uscito pulito, solo perché certe pratiche dubbie e discutibili dal punto di vista etico erano tollerate dalla legge svizzera. Ricordiamo solo una dichiarazione della guardia di finanza italiana in merito alle intercettazioni:

il fiduciario elvetico parlando telefonicamente con gli indagati italiani delle movimentazioni di denaro ‘da ripulire’, utilizzava l’espressione criptica ‘magazzino di mele’, per indicare i conti correnti svizzeri, destinazione ultima del riciclaggio”. (leggi qui)

Dunque, c’è chi magari è disoccupato o nullatenente, ma è una splendida persona. Poi ci sono ricchi e riccastri (non Galeazzi in questo caso) che meriterebbero di farsi Piazza Riforma a calci nel sedere facendo il girotondo. E a questi riccastri, etici o meno, Galeazzi regge il bordone per guadagnarsi la sua, di pagnotta o per guadagnarsi la mela, come preferite. Una mela , questa sì, piena di vermi.

Alla fine preferiamo sicuramente i molinari, perché noi zecche rosse abbiamo un debole per quelli, sia di destra che di sinistra, che hanno un’etica sociale.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!