I deliri dello psichiatra Meluzzi

Pubblicità

Di

Quando si parla di sovranisti alcuni storcono il naso, anche perché non ritengono il nome sufficientemente esaustivo del complesso universo che compone questo tipo di pensiero.

La semplificazione è però normale, serve a farci comprendere immediatamente di cosa parliamo. Un sovranista è tendenzialmente una persona che rivendica la sovranità totale del proprio Stato, con leggi e diritti, ritiene inutile un’associazione di Stati, convinto che la propria nazione da sola e senza stranieri possa viaggiare molto meglio. Non sempre ma spesso, sposa strutture religiose fanatiche, con l’idea che la religione sia parte integrante della cultura, ha una bassa opinione della donna, è omofobo e non disdegna però di appartenere a strutture extraterritoriali, gestite da altri sovranisti, spesso russi o statunitensi. È ovviamente di destra, molto di destra.

Il Primato Nazionale è un giornale, a suo dire sovranista e l’unico che dice(come sempre) cose che gli altri tacciono. Il suo ruolo, riconosciuto da ricerche di Data Analytics, ne certifica la pesante presenza in merito alla divulgazione di contenuti anti immigrazione, pro Salvini e per la condivisione di fake news.

Direttore è Adriano Scianca, responsabile culturale di CasaPound, e qui i conti cominciano a tornare.

Per quanto sia devastante l’influenza di Primato Nazionale, la sua virulenza è anche il suo tallone d’Achille. Perché le idiozie che propugna sono spesso talmente demenziali da squalificare lo stesso giornale.

Pensiamo in particolare a un recente dibattito, organizzato proprio da Primato Nazionale, a Verona, con ospite lo psichiatra Alessandro Meluzzi, noto più per le sue ospitate da Barbara d’Urso e in altri programmi spazzatura che per reali capacità professionali.

Al congresso, Meluzzi ha dichiarato:

“Nell’era del fallimento umano, un popolo piccolo o grande che sia può uscire da questa dissoluzione del nostro tempo. Finché regge la legge del patriarcato, non potrà arrivare l’Anticristo; stessa cosa detta da Massimo Cacciari a Benedetto XVI. Satana arriverà sotto forma del buonismo, con il sovvertimento della legge naturale”. Meluzzi ne ha pure per il Papa, che ovviamente è troppo orientato a sinistra, diremmo che è troppo cristiano:“ (…)Bergoglio non è Papa, in cuor mio non può essere lui; perché è il primo che sovverte l’ordine”.

Il Papa che sovverte l’ordine, l’anticristo che impedisce al patriarcato di mantenere la sua egemonia, il buonismo satanista…siamo alla quintessenza dell’idiozia, meraviglia che ci sia gente talmente ottusa da seguire dottrine così strampalate. Poi arriva il turno delle teorie gender e dei gay:

“… Nella teoria del gender ognuno sceglie il proprio sesso. E non sono deliri, ma cose che sono entrate nelle normative europee e italiane. La stessa carta del Carnaro  di D’Annunzio prevedeva libertà sessuali, ma le libertà personali non divenivano parte integranti della norma” ma c’è di peggio, Meluzzi rincara la dose e appare per quello che è, un livoroso e frustrato ortodosso: “(…)Nel mondo Lgbt sfilano nelle piazze dicendo: “Vogliamo porti aperti come i nostri culi” e “vogliamo che arrivi l’invasione africana e islamica”.

Insomma, fai quello che vuoi tra le mura di casa ma non corrompere la nostra società con le tue deviazioni.

Una visione barbara, retrograda, triste e coercitiva, che fa dell’ipocrisia dei secoli passati un cappello buono per tutte le stagioni. Una società che pone norme a difesa dei diversi orientamenti sessuali è da abbattere per mantenere il primato (arcaico) del patriarcato vecchia maniera. Un capofamiglia, che comanda e che pratica il sesso con la moglie per sfornare figli, e si sfoga con chiunque a patto che sia celato agli occhi dei benpensanti.

Il sovranismo di questa triste gente è solo il solito trito minestrone ultraconservatore, patria, famiglia e Dio, tutte e tre declinate ad personam, dove la famiglia è quella “classica”, la patria è nazionalista e razzista e la religione un breviario per uomini bianchi e bigotti della classe media. Una tristezza neanche tanto mascherata che raccoglie i suoi adepti soprattutto tra l’estrema destra. Un rimasuglio che la società moderna si trascina dietro simile a una ciste, un retaggio angoscioso di secoli bui, di morte e persecuzioni, che non dovrebbero più avere quuartiere al giorno d’oggi.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!