Il sovranismo morirà combattendo il silenzio

Pubblicità

Di

D’accordo. Ma, mentre parliamo, vi siete chiesti chi è Gad Lerner? Chi è davvero l’uomo che, per due volte in sei mesi, è stato insultato in quanto “ebreo”, in Italia, nel 2019? Bene.

Gad Lerner è nato a Beirut, in Libano, 65 anni fa, da una famiglia ebraica che si era stabilita in Palestina sin dalla fondazione dello Stato di Israele. Il padre, Moshé, è nato e cresciuto in un kibbutz di Haifa da genitori galiziani originari di Drohobyc (nell’attuale Ucraina, all’epoca parte dell’Impero Austro-ungarico), mentre la madre israeliana è cresciuta in Libano con la famiglia, in un ambiente animato da un ricco mercante turco e dalla figlia di intellettuali lituani. A tre anni Gad si è trasferito con i genitori a Milano, dove per trent’anni è stato apolide in attesa della cittadinanza italiana, che gli viene riconosciuta solo nel 1986. In un uomo solo convivono sangue israeliano e ucraino, natali libanesi, radici ebraiche, cuore palestinese, storia e passaporto italiani, influenze turche e lituane. E fede interista.

Ora, mettetevi nei panni di un bifolco padano e leghista che nella sua vita non ha mai viaggiato più in là della Brianza e per cui l’Europa comincia e finisce a Orio al Serio. E, a un certo punto, il bifolco si trova di fronte uno come Gad Lerner. Il minimo che possa accadere è che gli urli “non sei italiano, sei ebreo”, convinto probabilmente che sia una nazione esotica covo di migranti e terroristi, anche se di preciso non la sa collocare sulla cartina.

Perché, in fondo, prima ancora dello squadrismo e del razzismo, il problema vero oggi in Italia è il baratro culturale in cui sguazzano orgogliosamente milioni di persone votanti che non viaggiano, non conoscono, non si informano, sono istintivamente spaventate da vite, lingue e culture diverse, da quello che non possono vedere e da chiunque non riescono a etichettare.

Non hanno paura di Gad ma di quello che rappresenta, della meravigliosa miscela multiculturale che incarna. Se vogliamo fermare Salvini e la sua propaganda dell’orrore, non combattiamo le urla delle bestie ma il silenzio assordante che le ha generate. E il sovranismo magicamente morirà di inedia e di stenti. Insieme a chi lo ha cavalcato.

Lorenzo Tosa

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!