La caduta degli dèi

Oddio, dèi per modo di dire.In questi giorni assistiamo al lento declino delle forze che fino a ieri imperversavano sull’Italia. La Lega di Salvini è in perdita di consensi e si assesta, in base a dati recenti, al 31%, più di 3 punti sotto i risultati delle Europee, mentre PD e Cinque Stelle sono in ascesa.

Di

Ancora ferite e sanguinanti per lo stupido exploit salviniano che ha decretato la sua stessa fine, le opposizioni, Lega e Fratelli d’Italia in primis, stanno dando uno spettacolo pietoso. Invocano la democrazia mentre strillano e berciano cori da stadio in parlamento come carrettieri ubriachi.

Due fattori sono saltano comunque agli occhi in questi ultimi giorni.

Primo: La manifestazione sovranista e legaiola in piazza a Roma ha raccolto qualche migliaio di persone, (c’è chi dice 30’000, chi di meno) un po’ poche per ribaltare governi e fare rivoluzioni. Per fare un paragone, la manifestazione antirazzista del maggio di quest’anno a Milano ne aveva radunate tra le 200’000 e le 250’000, a riprova del fatto che per quanto riguarda le piazze, la sinistra ha ancora il primato della mobilitazione intorno a temi che smuovono le coscienze.

Nonostante i proclami da donna guerriera di Giorgia Meloni, la paura che può ormai evocare un popolo stanco e che annusa l’odore dell’oblio, è minima. Indicative della paura che serpeggia tra le fila della destra, le foto finte di manifestazioni oceaniche pubblicate da numerosi esponenti, chiaramente in imbarazzo a mostrare la vera entità delle “proteste”

A sinistra la manifestazione a Roma, a destra una delle foto false postate dallo stesso Salvini.

Secondo: la cancellazione da parte di Facebook e Instagram di pagine e profili riconducibili a Casapound e Forza Nuova, due piccole formazioni fasciste abituate, per fare rumore, a sollevare polveroni e aizzare all’odio sui social.

 “Le persone e le organizzazioni che diffondono odio o attaccano gli altri sulla base di chi sono non trovano posto su Facebook e Instagram. Candidati e partiti politici, così come tutti gli individui e le organizzazioni presenti su Facebook e Instagram, devono rispettare queste regole, indipendentemente dalla loro ideologia”

Ha dichiarato il portavoce di Facebook. Una mazzata non indifferente per i fascisti nostrani, visto che solo la pagina ufficiale di Casapound contava 250’000 followers. In molti sono però a chiedersi coma mai Facebook non abbia usato lo stesso metro di misura con Matteo Salvini, che coi suoi 3 milioni di followers e rotti, imperversa con messaggi che aizzano continuamente l’odio popolare, odio che poi si traduce in contumelie, insulti, vessazioni e vere e proprie shitstorm nei confronti delle vittime di turno.

L’oscuramento dei siti che incitano all’odio è un segnale importante, che alcuni hanno collegato all’insediamento del nuovo governo. E in effetti, per partitucoli e movimenti come Casapound, la visibilità è tutto. Inesistenti a livello politico e fattuale, vivono per la caciara che fanno o per quanto riescono a capitalizzare l’attenzione di media e social.

Aspettiamoci perciò una recrudescenza di azioni dimostrative che andranno giocoforza a sopperire alla mancanza di presenza sui social.

Dire che questi movimenti sono in caduta libera è forse esagerato, molto dipenderà dalle azioni immediate del nuovo governo e a quanto saprà dialogare per trovare soluzioni condivise. Perché il sistema migliore per battere l’avversario è sempre proporre qualcosa di meglio. Giustamente molti analisti ribadiscono quanto questo governo debba lavorare non in funzione anti-Salvini, ma piuttosto nella direzione di proporre soluzioni che impediscano a Salvini di costringere a seguire la sua agenda.

Rimane comunque il concetto, comune ormai a tutta Europa, che i social non sono il Far West, ma una struttura che deve obbedire alle regole del vivere civile.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!