Lisbeth Salander, un’icona di Lagercrantz.

Pubblicità

Di

David Lagercrantz, svedese, classe 1962, non è quello che si dice un «giallista puro». Giornalista, si è dilettato nell’editoria con diversi romanzi (mai tradotti) e biografie varie. Quella del famoso matematico Alan Turing improvviamente morto («La caduta di un uomo», 2009, ed. Marsilio) e quella del calciatore Zlatan Ibrahimovic («Io, Ibra», Rizzoli, 2011). Da quattro anni a questa parte si è buttato su di un’impresa che più difficile non si può: completare la mitica opera di Stieg Larsson, quel «Millenium» che ha sbalordito il mondo intero. È (triste) cronaca: il mastodontico progetto si è interrotto dopo il terzo volume, ne contava dieci (!), a causa della morte per infarto del suo autore. Tre libri che hanno conteso i vertici di vendita mondiali a Harry Potter, tanto per dire. Tre gialli uno più bello dell’altro, che ancora oggi trovano nuovi affezionati lettori. Oltre a plurime versioni cinematografiche, europee e statunitensi. In poche parole alzi la mano chi non ha mai sentito nominare «Uomini che uccidono le donne», o «La regina dei castelli di sabbia». Millenium resta Millenium, sempre.

Dicevamo: David Lagercrantz si è prestato a continuare la storia delle storie di inizio millennio. Un po’ affidandosi ad appunti ritrovati nei cassetti di Larsson, un po’ inventando, sempre in base ad appunti dello stesso Stieg Larsson. E così dopo «Quello che non uccide» (2015) e «L’uomo che seguiva la sua ombra» (2017) ecco questo «La ragazza che doveva morire».

Missione compiuta? Un po’ sì e un po’ no. Nel senso che Stieg resta inimitabile ed il suo registro narrativo, fatto di ritmo e folgoranti cambi di scena, di scavo psicologico e descrizioni raffinate, dialoghi al fulmicotone e narrazioni futuristiche…, bhe, quello rimane unico. Però un romanzo non è fatto di sola scrittura: ci sono anche i personaggi. E qui Stieg Larsson ne ha inventati diversi diventati subito memorabili. Il giornalista protagonista e, soprattutto, Lisbeth Salander, un’eroina che ha lasciato parecchi segni e toccato tantissimi. Tanto da assurgere a modello per altri personaggi, in special modo per quanto riguarda il mondo cinematografico (a chi scrive è parsa di rivederla ne «La casa di carta», nei panni di Tokyo).

E adesso? Adesso con David Lagercrantz Lisabeth c’è ancora e si prende buona parte della scena. Facendo la contentezza dei lettori. Perché vederla in azione è sempre un gran piacere. Come quando vengono raccontate le fiabe, magari anche anonime: non importa chi le legge, non conta il contesto, è sempre un piacere sentirle raccontare. Questo accade per la nostra eroina, alle prese con la missione più difficile (come da titolo). Della sua esistenza emergono altri retroscena e nel mentre Mikael Blomqvist sta indagando su di una spedizione sull’ Himalaya, ecco il colpo di scena.

Non riveliamo qui come va a finire, basti dire che «La ragazza che doveva morire» è un libro di piacevolissima lettura. Ogni tanto smuove ricordi dei primi libri (lei con il suo carattere tormentato, con il suo genio informatico e la sua insofferenza asociale, il suo essere in moto solitaria nella notte… ) ogni tanto stupisce e meraviglia. Forse non bellissimo, qualche pungente riferimento politico manca… , ma bello sì, questo libro. Anche perché il coefficiente di difficoltà iniziale era altissimo, e dunque.

«La ragazza che doveva morire. Millenium vol. 6», 2019, di David Lagercrantz,tr. Laura Cangemi, ed. Marsilio, 2019, pag. 409, Euro 19,90

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!