GASZEBO – GLI EVENTI IN TICINO DAL 4 AL 10 OTTOBRE

Di

“A volte serve un motivo, un motivo. Certi giorni ci chiediamo: è tutto qui? E la risposta o è sempre sì o non è tempo per noi che non ci svegliamo mai, abbiam sogni però troppo grandi e belli sai. Belli o brutti, abbiam facce che però non cambian mai. Non è tempo per noi e forse non lo sarà mai.” Ora, messo da parte il pessimismo cosmico che permea questa canzone di Luciano Ligabue, il tempo giusto potrebbe essere quello speso per fare qualcosa di gratificante. Prendendosi cura di sé. Prendendosi del tempo per coccolarsi. E magari anche un’occhiata a GASzebo non potrà che darvi il giusto stimolo a farlo. Di conforto si spera possa esserlo la nostra selezione d’appuntamenti per i prossimi sette giorni sette, sette proposte pensate apposta per prendervi del tempo per voi. E se casomai vi avanzasse qualche minuto e vi venisse voglia di scriverci fatelo a gentecheaccende@gmail.com!

Venerdì 4 ottobre 2019Io Pinocchio al FIT Festival

La trama di “Io Pinocchio” si tesse attorno a un bambino che ha la necessità e il desiderio di far sentire la voce di quei bambini che maturano seguendo i propri tempi.   lo spettacolo di Daniele Zanella, classe 1979, cresciuto in parte in quegli istituti adibiti ai ragazzi con difficoltà di apprendimento. Daniele intreccia così le esperienze del proprio vissuto con il testo di Collodi, creando dei parallelismi tra le avventure del burattino di legno, che desidera essere “normale” come gli altri bambini e le sue esperienze nelle scuole speciali. Parole, le sue, che nascono dalla necessità di raccontare un ambiente spesso sconosciuto. Negli anni ‘80, gli anni della sua infanzia, le regole erano ferree e i bambini, come burattini, erano gestiti dagli educatori che a volte venivano vissuti come dei Mangiafuoco. Alle 14.00 al Teatro Foce di Lugano.

 www.fitfestival.ch

Sabato 5 ottobre 2019 Crash alla Biennale dell’Immagine di Chiasso”

Un mondo fatto di contraddizioni, di posizioni che stanno agli antipodi, di movimenti complessi, che si risolvono in un istante, quando il contrasto si trasforma in urto. “Crash”, il tema scelto per l’undicesima edizione, significa osservare ciò che ci circonda con occhio attento ai momenti di passaggio, che costituiscono lo scheletro stesso della vita. “Crash” è dover ricominciare tutto da capo per ritrovare speranza, rinascita, desiderio, liberazione. La Biennale s’inaugura oggi alle 18.00 allo Spazio Officina di Chiasso ed esplorerà questi temi con mostre di grandi fotografi nazionali e internazionali, nello solco della sua tradizione. Un ricco programma di allestimenti, incontri e proiezioni per scoprire fotografi che hanno fatto dello scontro la chiave di lettura della complessità del mondo in cui viviamo.

www.biennaleimmagine.ch

Domenica 6 ottobre 2019 Planetario astronomico a Cadro”

Tutti alla scoperta del cielo! Preferite quattro passi sulla Luna o un bel tour sul pianeta rosso? Galassie e buchi neri, vita extraterrestre e missioni spaziali. Grazie al nuovo e moderno planetario digitale de L’ideatorio di Cadro, chiunque potrà sognare di viaggiare nello spazio, ben oltre i confini del nostro sistema solare. Un viaggio fatto da musica e immagini, con affascinanti proiezioni immersive che ci porteranno dagli austeri panorami di Marte ai suggestivi anelli di Saturno, fino alle nebulose e alle galassie più remote. Fra miti e leggende, ben oltre i nostri umani confini, in compagnia di sogni, timori, e tanta meraviglia, imparando a guardare con occhi diversi questo piccolo grande pianeta che ci accoglie, la nostra casa, l’astronave Terra! Dalle 14.00 alle 18.00 all’L’ideatorio di Cadro.

www.ideatorio.usi.ch  

Lunedì 7 ottobre 2019 Nudità all’Accademia di Mendrisio

“Nudità” è l’incontro tra due mondi e due visioni. In scena, insieme, Mimmo Cuticchio e Virgilio Sieni instaurano forme di relazione tra corpo e pupo, ascolto e tattilità. Il corpo del danzatore e quello della marionetta si incontrano e dialogano su alcuni elementi fondamentali dello stare al mondo: camminare, sedersi, cadere, voltarsi, toccare e così via. Corpo e marionetta sono gli elementi di questo viaggio nel gesto: una rappresentazione di come l’umano affiori in ogni fragilità del corpo e del pupo messi in relazione tra loro. Con l’arte della marionetta le leggi naturali del mondo emergono cristalline richiamandoci in ogni istante alla “risonanza” quale fonte dei nostri spostamenti e della nostra postura di abitanti del mondo, noi uomini sempre più marionette. Alle 19.30 all’Auditorio del Teatro dell’architettura di Mendrisio.

www.arc.usi.ch/it

Martedì 8 ottobre 2019 “Giochi senza frontiere in mostra ad Ascona”

È al centro di una mostra la storica vittoria di Ascona, protagonista esattamente quarant’anni fa di “Giochi senza Frontiere”, trasmissione di culto di recente tornata in tivù sulle reti Mediaset. L’idea originale del programma fu del presidente francese Charles de Gaulle, voluta affinché i giovani francesi e tedeschi si incontrassero in un torneo di giochi allo scopo di rafforzare l’amicizia tra i due paesi. A questi se ne aggiunsero altri, tra cui anche la Svizzera. Una partecipazione, quella di Ascona, che portò il borgo sulle rive del Lago Maggiore a una straordinaria vittoria dando risalto a tutta la cittadina ma anche alla Svizzera, selezionata poi per le finali di Bordeaux dello stesso anno. A ricordare questo evento c’è una bella mostra fotografica che ripercorre quei momenti unici ed emozionanti rimasti nella memoria di molti.  

www.ascona-locarno.com

Mercoledì 9 ottobre 2019 Noon al Teatro Foce”

Il 25 agosto 1968, a mezzogiorno, otto dissidenti russi si riunirono sulla Piazza Rossa per protestare contro l’occupazione dell’allora Cecoslovacchia da parte dell’Unione Sovietica. Fu una dimostrazione pacifica, che durò meno di cinque minuti. Cinque minuti di libertà che i dimostranti pagarono caro, con anni di prigione, esilio, campi di lavoro e internamento in speciali ospedali psichiatrici. “Continuo Theater”, compagnia teatrale indipendente in arrivo direttamente dalla Repubblica Ceca, presenta il suo spettacolo tratto dall’omonimo libro di Natalya Gorbanevskaya che fu tra i dissidenti che quel 25 agosto del 1968 manifestarono nella Piazza Rossa contro l’occupazione della Cecoslovacchia. Partendo dall’autobiografia e dalle poesie della Gorbanevskaya, sul palco del Teatro Foce alle 20.30, intensi momenti di teatro documentario si mescoleranno al racconto della lotta per la libertà, a toccanti scene di teatro fisico ispirate dai versi “eretici” di quegli anni.

www.foce.ch

Giovedì 10 ottobre 2019 For Sama al Festival dei Diritti Umani di Lugano”

“For Sama” è una struggente lettera scritta dalla regista Waad Al Kataeb alla propria figlia, in cui le racconta la sua vita nel corso di cinque anni d’insurrezione ad Aleppo e lo fa attraverso un documentario che ha il duplice intento di testimoniare il lacerante conflitto che sta devastando la Siria e di spiegare al pubblico, alla sua bambina e al suo popolo i motivi che hanno spinto Waad a scegliere di rimanere in una zona di guerra – rischiando ogni giorno la vita – nonostante le possibilità di fuggire. Un viaggio in compagnia di Waad Al Kataeb che, tenendoci per mano, ci mostra il perché di una scelta impossibile. A seguire ci sarà poi un approfondimento intitolato “Né vincitori né vinti” con Donatella Rovera, Senior Crisis Response Adviser Amnesty International, e il giornalista Roberto Antonini. Modera Lorenzo Erroi, giornalista de LaRegione. Al Cinema Corso di Lugano alle 21.00.

www.festivaldirittiumani.ch

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!