Il militare in Eritrea

Pubblicità

Di

In Eritrea c’è l’obbligo del servizio militare sia per gli uomini sia per le donne. L’entrata nel servizio è a partire da 18 anni fino a un tempo indeterminato, che può arrivare anche all’età di 40 anni, con permessi di congedo annuali che durano un mese e con paghe molto basse. Non esiste la possibilità di fare servizi alternativi all’esercito e solo i preti o i seminaristi possono fare richiesta per il servizio civile. Il servizio militare si svolge con i primi 6 mesi di addestramento, seguiti da servizi rivolti allo Stato in ambiti pubblici o di difesa armata, come la presenza sulle frontiere per controlli, per esempio dell’emigrazione clandestina, o per la sicurezza nel caso di rivolte o guerriglie.

I giovani e le reclute fuggono dall’Eritrea proprio per le condizioni proibitive del servizio militare e per l’impossibilità, per molti, di avere una vera vita sociale, bloccata dalla durata indefinita del periodo di leva.

I fuggiaschi, se vengono catturati, rischiano di essere uccisi sul posto oppure imprigionati senza processo e torturati. Invece, se riescono a fuggire, i loro congiunti possono subire sanzioni molto salate, fino alla confisca della casa o della terra e perfino alla prigione. Inutile aggiungere che, per i disertori fuggiti, il rimpatrio è più che sconsigliato.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!