Io vado, ciao mà…

Di

Scruto mio figlio mentre si prepara per uscire. Ormai adulto, si sente pronto ad affrontare la vita. È sicuro di sè, ha il mondo in mano, non ha paura. Ma io sì, ho ancora paura per lui. Non si smette mai. La paura non finisce con l’arrivo dell’età adulta. E mi ritrovo a pensare di volerlo stringere, baciare e dirgli che noi ci siamo. Sempre e ovunque. Ci penso però un minuto di troppo, lui apre la porta e senza voltarsi indietro, bofonchia solo “io vado, ciao ma”. Ed io rimango lì, seduta al tavolo con il mio “ciao ma”, ad illudermi che lui lo sa già che noi ci saremo sempre. Ogni volta che vorrà tornare indietro, noi saremo qua. Anche per lui.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!