La complicità di Salvini

Pubblicità

Di

Il razzismo e la discriminazione negli stadi hanno avuto un buon supporter nell’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Per Salvini, non si possono penalizzare club e tifosi solo per i cori di alcuni, Salvini va a mangiare coi capi ultras i fagioli con le cotiche, Salvini anche qui sdogana la violenza di alcune frange per tornaconto elettorale e fa danni, tanti danni. Scrivevamo a gennaio di quest’anno, a firma di Libano Zanolari:

Matteo Salvini, che va a un raduno degli ultras milanisti ed è fotografato in atteggiamenti da pappa e ciccia con il “Toro”, tra l’altro appena uscito dal carcere dopo aver patteggiato un anno e mezzo per spaccio di droga. “Non lo sapevo”, si scusa Salvini e si scusa pure con la moglie e la figlia di Motta, suicidatosi 3 anni dopo aver perso l’occhio.

E per correre ai ripari (in tutti i sensi) convoca un super-vertice Stato-sport “su ultrà e razzisti” (“La Gazzetta dello sport”). Al termine del quale cancella la legge dei governi precedenti sui cori razzisti, sulla “discriminazione territoriale” (i “Vesuvio lavali col fuoco” contro i tifosi napoletani) sugli striscioni offensivi e si oppone alle disposizioni FIFA e UEFA che impongono la sospensione delle partite per cori razziali, come quelli contro il franco-senegalese del Napoli Koulibaly a Milano. “La prossima volta se non interviene lo Stato, ce ne andiamo noi,” comunica Ancelotti. Se ne dovranno andare davvero, perché Salvini dichiara la materia del razzismo e dei cori “scivolosa”. 

D’altronde alcune dichiarazioni dello stesso Salvini tendono come d’abitudine a sminuire il fenomeno razzismo, che invece in Italia ha raggiunto livelli tra i peggiori in Europa, travalicando la serie A per arrivare fino ai campetti di periferia, dove sentire gridare “negro di m***a” ormai non è più un’eccezione. “Valgono più dieci operi dell’Ilva che un Balotelli”, “L’Italia ha altri problemi”, “Povero innocente Balotelli, povera stellina, una personcina così posata ed educata… Condanno ogni gesto di violenza e di razzismo però preferisco altri in campo, a Balotelli”.

Sono alcune delle frasi di Salvini. Un politico che a tutti gli effetti, in quel fango di ultras di estrema destra ci sguazza.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!