Quando il Black Friday diventa verde

Di

Si dice che il lupo perda il pelo ma non il vizio. Eppure chi l’ha detto che le cattive abitudini debbano rimanere tali? Chi? In Francia torna anche quest’anno il Green Friday, una campagna promossa da numerose associazioni che hanno deciso di responsabilizzare il consumatore al momento dell’acquisto, in occasione di quella follia chiamata Black Friday. Soprattutto in termini d’impatto ambientale.

Già. Ma che cos’è il venerdì nero che presto vedrà sgomitare milioni di consumatori? Come per altre pessime abitudini che ci arrivano dagli Stati Uniti, il Black Friday, è la giornata che segue il Giorno del Ringraziamento e dà il via al periodo caldo degli acquisti natalizi con saldi, sconti e prezzi ben più che stracciati. Inoltre, la modesta quantità di merce in vendita a basso prezzo, porta, praticamente ogni anno, al verificarsi di episodi di violenza. Al punto che, per accaparrarsi un paio di scarpe c’è chi arriva alle mani. O peggio all’omicidio.

Ma, in Francia, come succede già dal 2017, per mettere un freno al consumismo sfrenato che accompagna le prossime settimane e la fregola per l’affare a tutti costi che ormai ha contagiato anche l’Europa, si è deciso di correre ai ripari, conciliando gli acquisti con il rispetto per l’ambiente. Mettendo un freno all’accaparrarsi di beni, spesso superflui o addirittura inutili, in modo irresponsabile e sfrenato. Tra gli obiettivi di questa bella iniziativa ci sono soprattutto il riciclo di oggetti e vestiti che non si usano più, ma anche il fatto di valutare attentamente se si abbia davvero bisogno di un oggetto nuovo, prima di correre a comprarlo. Acquistandolo a un prezzo che sia ragionevole e non per forza strascontato.

“L’obiettivo è quello di sensibilizzare i cittadini a un consumo più responsabile ma senza colpevolizzarli in alcun modo”. Il modo scelto per farlo è molto semplice. Le aziende coinvolte non solo non faranno sconti ai loro clienti nel corso della giornata del Black Friday, ma devolveranno il 10% del loro fatturato a quattro associazioni individuate come meritevoli di essere sostenute per il loro impegno nei confronti dell’ambiente. Tra queste c’è chi si batte contro l’obsolescenza programmata dei beni che acquistiamo e l’associazione Zero Waste che incoraggia la transizione ecologica a zero rifiuti.

“Unisciti anche tu al lato verde della forza!” è il motto scelto per questa terza edizione del Green Friday, il cui successo sta tutto nei numeri. Duecento le aziende che hanno aderito rispetto alle quaranta del primo anno. Oltre a invitare a boicottare il Black Friday, il collettivo Green Friday, ricorda a tutti che una buona spesa può cambiare il mondo. L’acquisto del singolo consumatore ha una diretta conseguenza sull’ambiente. Ecco perché invertire la rotta, rispetto alle cattive abitudini, è fondamentale.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!