Ti voglio bene: diciamolo

Di

“Mamma, vedi ti ascolto? Ti ho dato retta.”

“In che senso, tesoro” E intanto stiro.

“Ieri…che memoria di merda che hai, mamma, ero giù di corda, mi sentivo triste, senza amici, arrabbiata e delusa per la litigata”.

“E…” Soprassiedo sul “memoria di merda” e continuo a stirare: sono alla decima camicia, medito di bruciarle tutte.

“E allora ho seguito il tuo consiglio, ho fatto il primo passo e le ho scritto “ti voglio bene, parliamoci”. Mi ha risposto subito e abbiamo chiarito. Sono così felice”.

Dodicesima camicia e nemmeno una mia! “Brava tesoro, sono felice per te. Senti, vuoi dare retta un’altra volta alla mamma?”

“Probabilmente no, ma sentiamo…”

“Sai cosa ti farebbe bene in questo momento, stirare un pochino, un lavoro umile che ti permette di pensare a quanto sei felice…”

“Mamma, ti voglio bene, ricordalo, ma non così tanto”.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!