Sassolini su Salvini

Pubblicità

Di

SASSOLINI SU SALVINI

Matteo Salvini questa volta rischia, fino a 15 anni di carcere per sequestro di persona. Questa volta il Parlamento non lo salverà, i 5 Stelle non gli regaleranno il solito giubbotto salvagente, a lui che ai disperati il salvagente piace bucarlo.
Matteo Salvini questa volta rischia e lo sa, gliel’hanno spiegato bene gli amici giuristi, e infatti è nervoso come non lo è mai stato. Fisicamente imbolsito, occhi rossi, chiatto, eloquio perso, non balla più al Papeete.
Rischia, questa volta, Matteo Salvini. Perché la nave che ha tenuto ferma per 4 giorni al largo, impedendole di approdare, era una nave militare italiana.
Rischia, Matteo Salvini, di essere sbattuto al gabbio per il delinquente morale che è.

Oggi è stata dissequestrata la nave Sea Watch 3, quella guidata da Carola Rackete. Una notizia bellissima. La ONG ha vinto l’appello e sono pronti a tornare in mare.

Polemica di questi giorni è la foto della ragazza che fa il dito medio a un Salvini addormentato in aereo. Qualcuno si è scandalizzato: non si fa il dito medio, il dito medio non sta bene, il dito medio è peccato. Io non la penso così. Non è il gesto, non è quasi mai il gesto, ad essere ignobile, ma il soggetto a cui un determinato gesto si rivolge. Un dito medio a Liliana Segre sarebbe indegno, ma di dita medie sollevate, il peggior ministro dell’Interno di sempre, ne dovrebbe avere a bizzeffe. Mandare a quel paese un dittatore potenziale, uno che chiede pieni poteri, è democrazia.
Il dito medio dovrebbe diventare un nuovo modo di salutare la Bestia. Perché bisogna essere rispettosi, nella vita, ma il rispetto è una cosa seria, e non si può rispettare il povero, il fragile, l’indifeso, se poi ti togli il cappello di fronte al loro aguzzino.

Un’ultima cosa: quando leggerete i commenti a questo post, leggete bene i commenti dei leghisti. Leggeteli e rileggeteli, aumentano l’autostima prima di andare a letto.

PS. in foto, una scena da Shining.

Saverio Tommasi

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!