Greta & Co. a rete: Federer e CS K.O.!

Di

Multati in media di 500 franchi (commutabili in 13-20 giorni di prigione) per “violazione di domicilio e resistenza alla forza pubblica” in seguito a un girotondo travestiti da tennisti in una succursale del Credito Svizzero, i 12 attivisti di “Action Climat” sono stati  assolti e anzi benedetti dal Tribunale Distrettuale di Renens  dopo aver manifestato contro i milioni investiti nelle energie fossili,  e aver messo in cattiva luce , con la Banca, anche il cocco della Patria, il divino Federer, suo “testimonial” principale.

Wake Up Now”, svegliati Roger, non dare il tuo avvallo a questo (sporco) gioco. In termini sportivi la chance d’ avere partita vinta dei ragazzi contro la potente lobby bancaria, era paragonabile a quella che poteva avere il numero 250  delle liste ATP contro lo stesso Federer.. Ma questa volta la legge non è stata interpretata a favore del più forte. Lo spirito ha avuto la meglio sulla  lettera.

Riassumendo, si dice che –  vero, i ragazzi hanno violato una legge,  ma per un fine, una necessità superiore impellente: hanno tentato di “salvaguardare interessi preponderanti, per il loro futuro, la loro salute”. Inoltre (“uditi, uditi!”) “non avevano altro modo per avere una risposta”. Durante la loro azione durata un’ora e mezza “non sono stati aggressivi”, la loro azione “necessaria(!) e proporzionata” Da non credere, nel Regno della finanza.

E il prode Roger? Altro colpi di scena: in breve, dà corda ai ragazzi con un “imprimatur” da sacerdote laico al movimento dei seguaci di Greta.. Convinto o furbastro? Il rischio che i suoi quattro rampolli fra pochi anni scendano in piazzo è piuttosto alto… Che li abbia immaginati sfilare con striscioni e cartelli tipo: “Roger, non essere ipocrita,non prestare la tua immagine a chi non ci fa respirare”.  Lo stesso CS comunica che concederà crediti anche per sviluppare l’economia “verde”. Altra vittoria. Tutti d’accordo? Quasi: il CDT, poco sportivo, vista la sproporzione fra gli scienziati molto preoccupati e chi afferma che i disastri non c’entrano con le azioni  degli umani (facciamo, ad essere molto “sportivi” un 70/30%?) stigmatizza “dogmatismo e fanatismo in materia” citando, appunto, i contrari alla tesi dominante.

Ci ripetiamo, quanti? Tanti quanti i “terrapiattisti” e quelli convinti che la discesa sul suolo lunare è stata realizzata negli studi di Hollywood? Noi, sportivi, e anche un po’ “uregiatt” speriamo  che il CDT abbia ragione, che l’allarme climatico sia  una montatura dell’internazionale rosso-verde. Ma sulle orme dell’inarrivabile leghista-fascista Feltri c’è chi è tetragono a ogni incendio, ogni inondazione, a ogni scomparsa dei ghiacciai, a ogni lembo di terra sommerso dal mare che si alza: avvegna ch’io mi senta ben tetragono ai colpi di ventura. Dante. In dialetto: Düür ‘me n crapp, me n paracarr: Copyright: Giüli Tetacavri Sbroia.

ps- Agli “Australian Open” la giovane serba Jakupovic si è ritirata contro la svizzera Vogel: non riusciva più a respirare l’aria appesantita dagli incendi.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!