Il leghismo in dieci righe

Di

Accade che la Lega organizzi un convegno sull’antisemitismo. E già fa ridere così.

Accade che invitino la senatrice a vita Liliana Segre, memoria vivente dell’Olocausto, di fronte a cui l’intera Lega è rimasta seduta in Senato, senza applaudire.

La risposta di Liliana Segre è grandiosa. Da leggere, rileggere e stampare, e infine da mostrare a quei milioni di italiani che votano Lega.

Fa così:

“Ringrazio per l’invito, ma a gennaio sono molto occupata” ha detto, declinando la proposta con classe. Poi ha aggiunto. “Apprezzo l’iniziativa sull’antisemitismo, un problema che si riaffaccia virulento nelle cronache del nostro tempo in tanti Paesi d’Europa e del mondo intero. Ritengo però che non si debba mai disgiungere la lotta all’antisemitismo dalla più generale ripulsa del razzismo e del pregiudizio che cataloga le persone in base alle origini, alle caratteristiche fisiche, sessuali, culturali o religiose”.

Stop. È tutto qui. Il leghismo spiegato in dieci righe.
Immensa.

Lorenzo Tosa

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!