Iran, monta la protesta

Di

Ieri, per il secondo giorno consecutivo, migliaia di iraniani si sono riversati per le strade e piazze di Teheran ed alcune città iraniane.

La rabbia dei manifestanti contro le autorità è dovuta al fatto che per giorni, i vertici della Repubblica Islamica hanno mentito, negando ogni responsabilità sull’abbattimento dell’aereo, un Boeing 737-800, partito da Teheran e diretto a Kiev, con 176 persone a bordo.

Il velivolo è stato colpito l’8 gennaio, nella notte di massima tensione tra Iran e USA, mentre i militari iraniani sferravano un attacco missilistico contro obiettivi americani in Iraq in seguito all’assassinio del generale Soleimani.

Solo nel fine di settimana, sabato 11 gennaio, Amir Ali Hajizadeh, comandante dei guardiani della rivoluzione (Pasdaran), si è scusato con la nazione, ammettendo la piena responsabilità dell’incidente, parlando di un errore nell’abbattinmento del Boeing ucraino

Subito dopo l’ammissione di colpa, i manifestanti sono scesi per le strade di Tehran protestando contro la guida suprema e leadership della Repubblica Islamica, con canti e slogan contro vertici politici, istituzionali e contro le autorità religiose del Paese.

“Bugiardi – Bugiardi, mentono dicendo che il nostro nemico è l’America, il nostro nemico è qui” scandivano i manifestanti, riuniti all’esterno dell’università di Tehran; nello specifico, poi, i manifestanti si sono diretti verso la piazza Azadi (Libertà) strappando dai muri le foto del generale martire Qassem Soleimani. Alcuni video mostrerebbero che i giovani rivoltosi rifiutano di calpestare la bandiera statunitense e quella israeliana. ( calpestare le due bandiere è un gesto comune e sostenuto dal clero religioso fondamentalista, soprattutto nei momenti di massima tensione). 

Sulla vicenda emergono anche le critiche di intellettuali e di quotidiani moderati-riformisti del Paese, fra i quali Etemad che titolava “Scuse e dimissioni” , riferendosi ai responsabili dell’incidente.

Per disperdere i manifestanti, gli agenti hanno usato i manganelli ed esploso dei gas lacrimogeni. Secondo alcuni filmati lanciati sulle reti social, vi sarebbero stati anche diversi colpi di arma da fuoco; tuttavia non ci sono fonti attendibili che attestino la presenza di feriti gravi o di vittime.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!