Le losche trame di Erdogan

Di

Capire quali siano i loschi piani che il presidente turco cova nella propria mente malata, pensando al suo recente coinvolgimento nella guerra che da troppi mesi si sta combattendo in terra libica, è utile. Lo è soprattutto a chiarire chi sia l’uomo che ha trasformato una Turchia laica e aperta all’Occidente nello spettro di se stessa. Per farlo riprendiamo parte di ciò che scrivono quelli di “Rojava resiste” su Telegram, il prezioso canale d’informazione sul Vicino e Medio Oriente e di solidarietà con la rivoluzione confederale in Siria del Nord.

Pensando alle recenti mosse dell’attuale governo turco è chiaro che, nel suo agire, vi sia una strategia mirata. Perseguita con unico scopo: rimanere a galla a livello internazionale. Restando aggrappati con i denti e con le unghie al potere. Erdogan ci sta riuscendo con ogni mezzo lecito e illecito, così come ci pare ancor più evidente leggendo ciò che scrive “Rojava resiste”, che ha particolarmente a cuore la questione curda, il dramma di un popolo vessato in primo luogo proprio dalla Turchia dell’attuale presidente:

Il 2 gennaio il parlamento di Ankara ha votato a favore della missione militare turca in Libia, a sostegno del governo tripolitano di Al Sarraj, secondo l’accordo bilaterale del 27 novembre scorso. Ieri è iniziato il dispiegamento delle truppe di Erdogan a Tripoli.

Dopo la guerra in Siria del Nord, l’apertura del secondo fronte libico permetterà a Erdogan e al governo AKP-MHP un doppio vantaggio sul fronte interno e sul piano geopolitico: in primis, la mobilitazione nazionalista e l’ulteriore torsione autoritaria, consolidando un consenso eroso dalla pesante crisi economica che vive il paese.

Pilastro fondamentale il tema profughi: l’accordo con Tripoli consegna di fatto ad Ankara il controllo della seconda principale rotta di migranti verso l’Europa – dopo la Siria -, ottenendo il monopolio sulla gestione dei flussi. Oltre a rappresentare un’altra colonia di deportazione per i 4 milioni di profughi presenti in Turchia.

Il fronte libico è una valvola di sfogo anche per le migliaia di jihadisti alleati di Erdogan, che proprio in Turchia hanno conti correnti, appoggi logistici, armi, sostegno e che risultano sempre più irrequieti verso gli accordi del Sultano con Mosca e Damasco. A combattere per Al Sarraj, cioè per il governo sostenuto da Nazioni Unite (e Italia), andranno i tagliagole delle bande jihadiste di Hay’at Tahrir al-Sham.”

Insomma, uno scenario da far accapponare la pelle. Soprattutto pensando di aver affidato alle mani insanguinate di Erdogan il futuro di milioni di profughi siriani e la gestione dei flussi di migranti non più solo dalla Siria, ma ora anche di quelli in arrivo dalla Libia. È follia pura, che non porterà a nulla di buono. Oltre che il segno di un’Europa in agonia, sempre di più messa all’angolo rispetto alle questioni strategiche e ai conflitti che infiammano il mondo intorno a noi.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!