“Pietruzzu” il Grande

Di

Al mitico “Cibali” di Catania, (“clamoroso al Cibali – Ciotti) il piccolo raccattapalle Pietro chiese un autografo  e una foto al  gigante gallese John Charles, suo idolo, e come nelle fiabe, pochi anni dopo era a Torino a vestire con grande successo la stessa maglia, quella della Juve.

Si diceva che la famiglia Agnelli, dinastia di moderni signorotti feudali travestiti da democratici (per di più cristiani) pescassero nel profondo Sud seguendo la massima dell’oppio necessario al popolo. E si diceva non solo a sinistra. Un idolo juventino avrebbe calmato i bollenti ardori dei lavoratori FIAT del tempo. Ad Anastasi avrebbe fatto seguito, volendo dar credito a questa logica, Cuccureddu.

Comunque siano andate le cose, per pura scelta tecnica o per un “arrière pensée”un fine politico, “Pietruzzu”, smentendo il soprannome, fu un gigante. Compensava fisico e statura normali (per il tempo) con un grande senso della posizione, con velocità di pensiero e d’esecuzione fuori dal comune. A cui si aggiungevano grandi doti acrobatiche.

Ma per entrare nel cuore dei “piemonteis fals e corteis”  ci voleva di piû che non l’abilità con la palla: ci voleva la persona. E che persona: d’una simpatia e d’una disponibilità naturale, sempre pronto allo scherzo e al sorriso come testimoniano i suoi compagni di squadra Mazzola e Zoff, Anastasi entrò nel cuore di tutti e contribuí non poco ad avvicinare il Nord al Sud, sfatando molti miti, da quello  dei “terun” poco inclini al lavoro e al sudore, a quello d’una mentalità chiusa, servile nei confronti dei potenti, e omertosa.

“Pietruzzu” fu tutto il contrario di questo e cancellò con il suo modo di vivere in società molti pregiudizi, oltretutto mai sopra le righe anche nei momenti di gloria, sempre umile e disponibile, esattamente come un altro grande campione del Sud, Pietro Mennea. Per quanto non lontani, altri tempi, ben diversi dai nostri basati sullo “star-system” e sull’immagine.

A fine carriera, Anastasi, di stanza a Varese, vestì per poche partite anche la maglia bianconera del Lugano. 

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!