Verremo e saremo legione

Di

E legione è stata, ieri sera. Erano in 40’000 a Bologna, il popolo delle Sardine, l’onda lunga dell’antisovranismo, ha fatto sentire potente la propria voce.

40’000 persone, una riunione oceanica in Piazza VIII Agosto a ribadire che l’Emilia c’è, quella della tradizione antifascista, potente e sanguigna, quella del lambrusco nelle osterie sotto le arcate, quella dell’università più vecchia del mondo, della cultura e del sapere. L’Emilia che, come dicono loro, usa la testa e non la pancia.

Quella di ieri è l’Emilia che alza orgogliosa la testa di fronte al sovranismo e al populismo, per ribadire che un’altra via è possibile. Se fossimo in Salvini non saremmo più molto sicuri di avere la vittoria in tasca e la prossima manifestazione a Bibbiano, in concomitanza col comizio leghista, che voleva usare il paese come punto finale della campagna, rischia di essere altrettanto gremita.

“Noi ci saremo, e saremo di più”, aveva dichiarato Mattia Santori, leader delle Sardine, in merito alla manifestazione. Non sappiamo cosa scaturirà dalle urne, è però certo che in questi ultimi giorni, la narrazione politica verte più sulle manovre dei pesci azzurri che sulle fanfaronate leghiste.

È un Mattia Santori euforico quello che dice: 
“E’ una svolta. Si può battere la bestia del sovranismo. Quello che sta avvenendo in piazza è fisico, inoppugnabile, non manipolabile. Un’alternativa c’è!” – e aggiunge- “Se Salvini perdesse sarebbe dirompente  perché la sconfitta sarebbe stata aiutata da una forza di piazza che ha speso zero euro. Oggi è un cambiamento per noi ma tra una settimana potrebbe cambiare l’inerzia politica sovranista”.

La forza del numero contro la macchina social leghista. Il potere della gente e della Rete, contro le fake news dei giornali allineati come Libero e Il Giornale, che continuano a sputare veleno sul banco. Ma le Sardine sono tante, motivate, felici. Ieri erano a Bologna, domani saranno a Bibbiano per seppellire la Lega. È garantito.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!