Gaszebo – Gli eventi in Ticino dal 21 al 28 febbraio 2020

Di

“Signor Rossi cosa vuoi? Un gelato al Polo Nord, un castello di cacao, tre bignè, sei caffè, trentatré marron glacé. E poi, e poi, e poi? Signor Rossi cosa vuoi? Pilotare un Auto Jet, far la doccia di champagne, con un frac rococò e sbancare il casinò. E poi, e poi, e poi? W la felicità! Chi la cerca non ce l’ha! Ma dov’è? Ma dov’è? Chi lo sa?” Il povero Signor Rossi, alla costante ricerca della felicità, chissà lui come si travestirà per questo Carnevale. Ma per fortuna la felicità non è sempre e solo una questione di maschere. Maschere, balli e feste che certamente a carnevale non possono mancare. Ma non di soli veglioni è fatta questa settimana. La prova? Date un’occhiata alla nostra selezione d’appuntamenti per i prossimi sette giorni sette, sette proposte pensata per chi, accanto al carnevale, magari avesse voglia di fare anche dell’altro. E se casomai vi avanzasse del tempo per scriverci che cos’è per voli la felicità fatelo a gentecheaccende@gmail.com!

Venerdì 21 febbraio 2020 ““Giles Corey – live @ Murrayfield Pub”

Giles Corey nel corso della sua carriera ventennale si è esibito con Otis Rush, Magic Slim, Eddy Clearwater, Syl Johnson, Sugar Blue e Billy Branch e, proprio con quest’ultimo, ha fatto parte dei Sons of Blues per cinque anni, con i quali ha ricevuto tre nomination ai Grammy Awards. Dopo aver imparato la lezione dai grandi del Blues, ha saputo sviluppare un suo sound personalissimo nel quale mescola i tradizionali stili di Chicago con il soul, il funk e il rock’n’roll, creando un irresistibile mix di musica a stelel e strisce in grado di deliziare il pubblico ovunque vada. Per tutti gli amanti del blues, per tutti gli amanti della buona musica e per tutti i musicisti. Dalle 22.00 al mitico Murrayfield Pub di Chiasso.

www.murrayfieldpub.com

Sabato 22 febbraio 2020 “La Stranociada di Locarno

Quattro ore di carnevale nella Città Vecchia. Di solito sono almeno settemila le persone che giungono a Locarno per divertirsi e godersi una notte piena di divertimento. Animazioni e musica nelle varie tendine creano un’atmosfera di grande allegria e baldoria. Nel corso della serata vengono poi premiate le migliori Guggen e le maschere più originali. Poi il sabato la festa continua in piazza Sant’Antonio con la tradizionale risottata e con l’intrattenimento per i bambini. Novità di quest’anno è il concorso dei bambini del sabato pomeriggio: le tre mascherine più belle verranno premiate da un’apposita giuria. Evviva l’allegria!

www.stranociada.ch

Domenica 23 febbraio 2020 “Grande Corteo Mascherato al Rabadan”

A Bellinzona, com’è ormai tradizione, la domenica ospita il consueto “Grande Corteo Mascherato”, al quale partecipano duemila comparse, che animano una sfilata ricca di musiche, carri e gruppi, il tutto nella più sana tradizione del Carnevale di Re Rabadan, il regnante ticinese più famoso. Il tutto accompagnato da molte altre animazioni come il concorso per la migliore maschera, tiro alla fune e decine di “tendine” dove mangiare, bere e ballare fino alle prime ore del mattino. Se vi piace il carnevale quello della capitale è assolutamente da non perdere. Carnevale per credere!

www.rabadan.ch

Lunedì 24 febbraio 2020 “Michelin Guide Switzerland Star Revelation Gala al LAC”

Lugano sarà la capitale svizzera dell’enogastronomia, ospitando la presentazione della nuova Guida Michelin Svizzera 2020, nonché i nuovi chef che riceveranno l’ambita stella. Il “Michelin Guide Switzerland Star Revelation Gala”, alla sua seconda edizione, porterà sulle rive del Ceresio oltre 500 personalità di spicco del settore a livello svizzero e internazionale insieme a molti giornalisti del settore. Lo scorso anno 128 ristoranti elvetici sono stati premiati con 1, 2 o 3 stelle nella Guida Michelin Svizzera. Il Cheval Blanc di Basilea, il Restaurant de l’Hôtel de Ville di Crissier e lo Schloss Schauenstein di Fürstenau sono quelli che si sono potuti fregiare delle celebri 3 stelle. E cosa succederà quest’anno?

www.luganoregion.com

Martedì 25 febbraio 2020 “Un tocco leggero dal Giappone al LAC”

Il cinema di Kore-Eda Hirokazu, a cui i cineclub della Svizzera italiana dedicano una retropettiva, sa indagare l’animo umano al di là della superficie del visibile. Palma d’oro a Cannes, nel 2018, per Shoplifters (Un affare di famiglia). Per il suo tocco leggero e intimista, Kore-eda è stato dai critici spesso accostato, per la delicatezza e la classicità del suo stile, al grande Ozu, anche se lui, per ragioni che non si spiegano, si richiama piuttosto a Ken Loach. Quello di Kore-eda è un cinema che non vuole dare risposte, ma che ci invita a sondare la complessità dell’esistenza, ad esplorare le zone d’ombra che influiscono sulle nostre scelte di vita e sulle nostre relazioni con gli altri. Un cinema che, con leggerezza, si concentra sul reale aprendo spiragli sull’ignoto che c’è in ognuno di noi. Alle 20.30, al Cinema Iride di Lugano, verrà proiettato il film “Maborosi”, ovvero “Air doll” del 2009.

www.luganocinema93.ch

Mercoledì 26 febbraio 2020 “AXTO oratorio per corpi e voci dal labirinto al LAC”

Il mito esplorato è quello del Minotauro, frutto della collaborazione tra il regista Emanuele Conte e la coreografa Michela Lucenti, qui autori di una ricerca comune su possibili nuovi linguaggi e forme artistiche. Un lavoro in cui la compagnia di danzatori, attori e cantanti del Teatro della Tosse e di Balletto Civile danno corpo e voce ad un racconto epico e famigliare. Ma cosa è il labirinto? Un posto in cui perdersi o un luogo in cui nascondere quello che ci fa paura? Una prigione, un manicomio o un’isola? Axto ci invita ad entrare nel labirinto che si fa metafora del cervello umano, un luogo in cui e possibile perdersi, in cui è meglio far scorrere un filo rosso per aiutarci a ritrovare l’uscita o, forse, l’entrata. Un lavoro che parla di solitudine e di muri, di barriere che anziché proteggerci consolidano un possibile isolamento.

www.luganoinscena.ch

Giovedì 27 febbraio 2020 “Il piccolo spazzacamino se ne parla al LAC”

“Il piccolo spazzacamino” è un autentico gioiello musicale del compositore inglese Eric Crozier, scritto col preciso scopo di avvicinare i ragazzi all’opera. Benjamin Britten poi ne crea una storia per bambini, cantata da bambini e pensata per un pubblico di ragazzi. Il tema dell’infanzia negata dallo sfruttamento di adulti senza scrupoli, che ritroviamo in tanta letteratura inglese – vedi, per esempio, un certo Dickens – viene trattato da Britten in modo commovente, divertente e mai con un tono retorico. Cosa sono stati gli spazzacamini in Ticino e nel nord Italia? A raccontarcelo sono Franco Lurà e Guido Pedrojetta, che toccheranno diverse tematiche, tra cui le fonti del libretto, la figura dello spazzacamino nel canto popolare e le questioni linguistiche legate a questo mondo. Alle 18.30 nella sala ex convento – Refettorio del LAC di Lugano.

www.edu.luganolac.ch

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!