L’ignoranza costa

Di

Usare la parola “clandestini” per indicare dei “richiedenti asilo” è discriminazione. Lo dice il buon senso, lo dice la legge e lo dice pure la lingua italiana.

Ma siccome parliamo della Lega e con la Lega le basi non bastano, si è resa necessaria una sentenza di condanna. Che è arrivata. Anche in Appello. E ciao.

Nella condanna d’appello i giudici di Milano hanno spiegato (suppongo con il supporto di disegnini e canzoncine) che i 32 rifugiati che nel 2016 furono accolti a Saronno e che la Lega definì clandestini sui manifesti erano «soggetti che hanno chiesto l’accertamento del diritto» a rimanere in Italia per situazioni «di pericolo di persecuzione» nei loro Paesi. E che quindi, secondo la nostra Costituzione «non è ammissibile l’utilizzo dell’espressione ‘clandestini’».

Capito adesso? Era tanto difficile? Ora pagate su. Che l’ignoranza costa.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!