Massagno: il verde? Al muro!

Di

I giovani a malapena se la immaginano, la “moquette”, simbolo di un certo “lusso”, il “lusso” di chi aveva appena lasciato alle spalle la peggiore povertà, quel soffice verde, artificiale ma pur sempre verde, in stanza, nel salotto, facile da pulire, si pensava. Solo più tardi nacquero i primi dubbi, ingigantiti da certe immagini al microscopio: ma quante bestioline s’annidano fra i fili di quel tessuto in definitiva a buon mercato…

E chissà quante in Corso S. Gottardo 99 in quel di Massagno…Sia detto senza offesa a chi ha immaginato e realizzato una “moquette” verticale sulla facciata di un edificio sull’esempio di altri nelle grandi città, anzi… È una “moquette” verde, spessa, ricca di forme, ecologica anche, darà rifugio a molti insetti sempre che non cadano stecchiti per lo “smog”.

Certo, il verde sarebbe meglio averlo sotto i piedi, il verde dei prati, o anche solo il verde di qualche minimo verde fra i caseggiati, ma se non si può, se il metro quadrato va sfruttato per un po’ di cemento in più che dà qualche spicciolo in più alla cassa comunale, che ci possiamo fare? Non ci resta che la “moquette” incollata alle pareti.

Via S. Gottardo 99 potrebbe essere solo l’inizio, un esempio in grado di attirare l’attenzione di molti  architetti-urbanisti. Completando l”applique” sui due lati potremmo camminare in una specie di tunnel verde all’aperto. E perché non ipotizzare in futuro un tetto in plexiglas di un bell’azzurro interrotto solo da qualche (dipinta) nuvoletta? 

Come dire: Massagno e la nostalgia della mitica trincea ferroviaria FFS destinata alla scomparsa, ricostruita in Corso S. Gottardo. Mica detto che debba essere per forza sottoterra, o sotto il livello in cui  deambulano gli umani. Si può fare all’aperto, in verticale: due muraglie di cemento a nascondere il sole con il verde appiccicato al cemento, a sinistra e a destra. Senza dover nemmeno pensare (per il momento) a un copertura obbligata.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!