Un nonno rock

Di

Non ho mai ascoltato seriamente  Piero Pelù. Troppo rock, trasgressivo, esagerato. Nelle sue canzoni, nel suo modo di porsi, nel suo abbigliamento. Tutto troppo, per me. 

A un certo punto ho iniziato a seguirlo a The Voice ed infine sul palco di Sanremo. E mi sono accorta di aver commesso un errore enorme: mi sono fermata alle apparenze. 

Come spesso capita, si giudica la superficialità, non si scava a fondo. Pelù è sì trasgressivo, scanzonato, burlone, esagerato, ma porta avanti temi importanti, con intelligenza e sapienza, senza grandi proclami, come il rispetto per gli altri, l’ambiente, il mondo in generale. E lo fa in punta di piedi, sporcandosi le mani e mettendosi in gioco. Un uomo sensibile, un nonno incontenibile, che ha salutato l’arrivo di suo nipote come solo lui sa fare: una canzone rock e petto villoso in bella mostra. 

Piccolo cucciolo, questo nonno ti è capitato. Tienitelo stretto, è un po’ ingombrante, lo so, ma di sicuro amore, saggezza, trasgressione e divertimento nella tua vita non mancheranno mai.  

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!