Salviamo gli indipendenti!

Di

Una petizione è in corso da ieri. Partita dalla Svizzera romanda, chiede giustamente che anche i piccoli indipendenti possano usufruire delle misure urgenti che già proteggono i lavoratori salariati. In meno di 24 ore ha già raggiunto più di 40’000 sottoscrizioni. Riportiamo qui sotto il testo della petizione e vi invitiamo a firmare, per far sì che a pagare non sia quel quasi mezzo milione di indipendenti che non può fare capo a sussidi o alla disoccupazione.

“Signora Presidente della Confederazione,

Cari consiglieri federali,

A seguito della conferenza stampa del Consiglio federale di venerdì 13 marzo 2020, non è stato chiaramente annunciato quali misure di assistenza finanziaria sarebbero state concesse ai lavoratori autonomi.

Il Consiglio federale ha menzionato un accesso più semplice alla disoccupazione tecnica per i dipendenti, prestiti più facili alle imprese e donazioni a associazioni sportive e culturali.

Già in una situazione normale, i lavoratori autonomi si trovano generalmente in situazioni precarie; anche un prestito dello 0% sarebbe difficile da rimborsare. Noi firmatari chiediamo ai lavoratori autonomi un accesso eccezionale alle prestazioni nel contesto della disoccupazione tecnica o una soluzione analoga.

Il futuro dei lavoratori autonomi è in pericolo sin dall’inizio delle misure restrittive adottate dal Consiglio federale ai primi di marzo. I settori maggiormente interessati sono quelli legati al turismo, allo sport, agli eventi, alla comunicazione visiva, all’istruzione e a tutte le altre attività che coinvolgono un raduno di persone.

Nel 2017 il numero totale di lavoratori autonomi in Svizzera era di 594.000 unità, vale a dire circa 1,7 volte l’intera popolazione del Canton Vallese. I lavoratori autonomi sono attori all’ombra del tessuto economico svizzero e sono parte integrante della sua ricchezza. La loro scomparsa sarebbe una perdita considerevole in termini di know-how e abilità disponibili.

Noi firmatari chiediamo al Consiglio federale e al governo di fornire, in collaborazione con le autorità cantonali, aiuti rapidi ed efficaci per aiutare i lavoratori autonomi a sopravvivere a questa crisi.”

Firmate e fate firmare, condividete e siate artefici di un aiuto concreto a tutti coloro che ne hanno bisogno.

https://www.change.org/p/conseil-f%C3%A9d%C3%A9ral-suisse-coronavirus-mise-en-place-de-mesures-d-aide-financi%C3%A8re-aux-ind%C3%A9pendants-suisses

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!