60 miliardi e le sberle in faccia

Di

60 miliardi gli abbiamo dato per restare in piedi. Too big to fail. Parliamo dell’Unione di Banche Svizzere. Un importo che ha permesso a una delle più grandi banche svizzere di non fallire nella crisi dei mutui subprime.

Oggi le grandi banche inglesi hanno deciso, in accordo con la Bank of England(BOE), di non distribuire dividendi agli azionisti per i prossimi due mesi e di dirottarli verso l’economia. Parliamo di circa 9 miliardi di franchi. La BOE ha anche chiesto alle banche di non pagare bonus cash ai suoi manager.

Stessa cosa ha fatto la Banca nazionale Svizzera (BNS), che col Consiglio federale e la FINMA (l’autorità di vigilanza sui mercati finanziari) ha chiesto alle banche svizzere di valutare attentamente le quote degli azionisti in periodo di emergenza virus.

UBS ha deciso che no, darà ai suoi azionisti i dividendi come prima. 60 miliardi gli abbiamo dato…

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!