Autogol di Lorenzo Quadri

Di

Anche il buon Lorenzino, che attizza focherelli di qua e di la ogni tanto fa uno scivolone. Nella sua pagina, e fateci caso, un post dopo l’altro sono di polemica, di stizza, di rabbia. Una sequenza che è impressionante, guardiamo solo gli ultimi dieci post, partiamo dall’ultimo:

  1. contro l’impossibilità del rinvio di detenuti stranieri (ovvio, non volano più gli aerei)
  2. contro l’OMS
  3. contro il rinvio delle elezioni (ovvio pure quello), e in buona misura contro la UE (quella c’è quasi sempre)
  4. contro i profughi (un grande classico)
  5. questo non è contro, ma posta senza commento un arresto di presunti terroristi islamici a Berlino
  6. contro i lavoratori di origine balcanica alla Denner.
  7. contro i profughi (di nuovo)
  8. contro la sanità svizzera che non riesce a procurarsi un sufficiente numero di mascherine
  9. contro i frontalieri che ci contagiano
  10. contro i “finti rifugiati” e i “rifugiati economici”

Mi fermo ma è intrigante, tutto così per decine, centinaia di post. Tutti contro qualcosa, tutti farciti di rabbia come un panino toscano alla porchetta. Ma è il numero 6 quello su cui casca Lorenzetto.

Il Consigliere Nazionale si lamenta per una pubblicità della Denner, in cui l’azienda al dettaglio elenca i nomi di alcuni dipendenti. Sono quelli che iniziano con la Z (supponiamo che li abbiano fatti anche con le altre lettere. Compaiono ovviamente nomi di origine balcanica, d’altronde è la lettera “Z”. O ti chiami Zuzzurellone, Zelindo o Zenobia o non c’è trippa per gatti.

Quadri scorda una cosa. Persone originarie dei Balcani sono numerose sia tra i candidati alle comunali della Lega sia tra i suoi elettori. C’è inoltre una pletora di “nostrani” che storcono il naso sulle parole di Quadri, eccole:

“Ma al Denner assumono solo collaboratori di origine balcanica?
Almeno evitare l’ordine alfabetico, magari – c’è da sperarlo – ci scappava dentro qualche nome più local”

Quadri, abituato al quasi pedissequo plauso dei suoi follower (ricordiamo che banna da anni il dissenso senza uno scrupolo) si ritrova stavolta in difficoltà. Sono numerosi i post di persone che lo attaccano o lo contraddicono, e ricordate, come dicevamo, che sono praticamente quasi tutti fedelissimi del Consigliere Nazionale e municipale luganese. Leggiamone alcuni.

“ Da quando è un problema la gente che lavora? A me risulta sia una cosa molto positiva.”

“Dai che brutta cosa sono bravi lavoratori”

“Sono della generazione che e’ cresciuta con i figli dei primi immigrati giunti dai Balcani, oggi a distanza di 20-25 anni molti sono più svizzeri di me, che ho il cognome DOC, mi ricordo che anche alla SR erano moltissimi, mentre molti dei miei coetanei di dinastia CH hanno fatto di tutto per non doverla fare. Se al denner ci sono quei nomi, il motivo e’ uno: gli SVIZZERI DOC non vogliono fare “certi” lavori.”

Almeno lavorano e non sono in AI o in Diso… quindi onestamente nn vedo il problema”

Magari l’onorevole Quadri può andare a lavorare un po’ alla Denner per scoprirlo di persona, sottolineo LAVORARE…”

“ Trovami un nome svizzero che inizia con la Z….”

“Che uscita infelice… e che razza di polemiche inutili soprattutto in questo momento!”

“O forse i nomi italiani che iniziano con Z sono molto rari?! Zaccaria, Zeno, Zaira, Zelda, ….”

“Razzismo e odio anche in una situazione drammatica come questa.”

“Almeno sono domiciliati e spendono qui senza drenare risorse all estero”

“Bisogna sempre fare polemiche per tutto?😡”

“Manca Zorro”

Voilà, poi ci sono quelli proprio allineati che se Quadri gli sputa in testa ringraziano e la spalmano pure (scusate l’orrida immagine evocata). Insomma, Quadri si schianta contro lo scoglio dei lavoratori balcanici, anche perché, siamo onesti, nonostante tutto, i ticinesi non affollano il settore della vendita al dettaglio, a meno che non parliamo di Coop e Migros, dove la presenza nostrana è più congrua. Ma a parte tutto, come gli ha fatto notare giustamente qualcuno: lavorano e non sono in disoccupazione, no? Qual è il problema?

Semplice, gli stanno sulle balle. Sveglia ragazzi, vi candidate e votate per uno che appena può vi spazzerebbe via come foglie d’autunno,

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!