La casa di carta

Di

Un intero weekend a guardare la seconda stagione de “La casa di carta”, serie che narra di una magistrale rapina nella zecca di Stato. I personaggi, tutti chiamati con nomi di città, sono uno più intrigante dell’altro, “scarti” della società che cercano a modo loro un riscatto nella vita. Fra Nairobi (di una simpatia travolgente), Berlino (arrogante e astuto come non mai) e il professore (la mente del gruppo), ognuno di noi si identifica in un personaggio. E per un weekend intero decidiamo di trasformarci in romantici rapinatori elvetici: mio marito Zurigo, mia figlia Lucerna, gli altri due Berna e Losanna. A me purtroppo è toccato Corippo. 

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!