L’Iran e il suo primo satellite nello spazio

Di

Il 22 aprile 2020 le Guardie rivoluzionarie (Pasdaran) della Repubblica Islamica dell’Iran hanno effettuato con successo il lancio in orbita del loro primo satellite, denominato Noor (Luce), che è stato portato fino ad una distanza di 425 chilometri dalla superficie terrestre. Il lancio del satellite e del vettore, visto l’irrisoria distanza di 425 Km, non è legato a nessun programma missilistico, seppure anche i Pasdaran, stupidamente, hanno ammesso che fosse un satellite militare (piuttosto, per momento, è fuori della loro capacità).

L’annuncio del lancio è avvenuto nel giorno in cui Trump, con un tweet, ordinava alla marina degli USA di “affondare e distruggere” le navi militari iraniane che si avvicinano alle loro navi nel golfo persico. L’invio di questo satellite sicuramente è una conquista nazionale e la partenza di Noor è carica di significati, visto il precedente fallimento del lancio avvenuto nell’anniversario della rivoluzione islamica del febbraio scorso. Prevedibile la reazione da parte degli Stati Uniti d’America. “L’Iran dovrà renderne conto”, ha tuonato qualche ora dopo il Segretario di Stato americano Mike Pompeo dall’altra parte dell’oceano, commentando il lancio del satellite militare avvenuto dalla base di Ghased, nella zona centrale del deserto dell’Iran. Nel frattempo Israele invita la comunità internazionale a condannare il lancio e imporre ulteriori sanzioni al regime iraniano per trattenerlo dal procedere con tali attività provocatorie e pericolose.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!