Quadri e le sue lucide (?) follie

Di


Io vorrei con tutto il cuore smetterla di parlare di Quadri, vorrei che la sua evidente decadenza, che il gorgo di limo in cui si è infilato lo trascini a fondo e amen. Sarebbe bello ignorarlo, ma lui torna sempre a galla come un… turacciolo (cosa avete pensato? Sporcaccioni!) a spandere rabbia e odio a mo’ di nafta sull’acqua.

Guardare la pagina Facebook di Quadri e leggere il Mattino è simile a infilarsi a pesce morto in quei tabloid anglosassoni che parlano di rapimenti alieni e mostri marini.

La psicosi di Quadri ha raggiunto ormai livelli di guardia, vede nemici dappertutto, ipotizza complotti misti come insalate nizzarde, i cui ingredienti sono sempre gli stessi: i balivi, la vituperata UE, i kompagni di Comano, gli immigrati. Ultimamente, per dare un tocco esotico alla solita zuppa, ci ha messo un pizzico di OMS e una spruzzata di cinesi.


Il filone filotrumpiano di Quadri, che segue il tycoon statunitense come una paperella con l’imprinting, è turgido e gonfio al pari dei corpi cavernosi nell’apparato riproduttivo maschile. Infatti, notiamo una certa verve molto più muscolare e aggressiva. Probabilmente, il mite e schivo Quadri trova forza e coraggio nel seguire le idee del presidente statunitense, che nonostante tutto sembra meno squinternato dell’efebo luganese prestato alla politica nazionale.

Probabilmente, la solitudine e l’isolamento che lo colgono a Berna (le poche volte che ci va) hanno minato la sua psiche. D’altronde la partenza della compagna…ops, camerata Pantani, deve aver ferito più di quello che immaginiamo il suo delicato animo primanostrista.

Nel suo mondo parallelo, l’OMS è uno schiavo alle dipendenze della Cina, una Cina comunista e subdola stile anni ‘50 che cerca di ingraziarsi gli occidentali dopo “aver impestato il pianeta” con lo “stramaledetto virus cinese”(parole testuali).

La colpa degli innumerevoli morti sarebbe della libera circolazione (che non ha nulla a che fare coi frontalieri, che c’erano anche prima). Ma tutto fa brodo, come dicevamo, per la sua deliziosa zuppa anti-tutto.


Insomma, il buon Lorenzino sembra alla frutta, la bava che gli cola dalla bocca, in stile mastino corso, gli sta inzaccherando le scarpe al punto che rischia di scivolarci sopra e sbattere la faccia da qualche parte.

A questo punto stiamo a guardare l’epilogo di cotanta follia. Come dicono i cinesi? “ Attendi sul greto del fiume, vedrai passare il cadavere del tuo nemico”.


E Quadri, se non va da uno bravo, rischia veramente di implodere come un batiscafo sforacchiato nella Fossa delle Marianne.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!