Se questa è una donna

Di

L’esponenziale crescita delle capacità tecnologiche umane dona a tutti noi tante speranze, ma ci pone di sicuro anche molti dubbi. In un’epoca in cui poteri che in passato ci sembravano divini sono invece a portata di mano, a chi spetta davvero stabilirne i limiti? In Jurassic Park, l’eccentrico personaggio interpretato da Goldblum, un matematico texano esperto della Teoria del caos, proferisce una massima che sembra oggi più che mai attuale: “Ci siamo sempre chiesti se avremmo potuto, ma mai se avremmo dovuto“.

E Splice è una pellicola che tenta di esporre proprio i pericoli che si celano dietro a questo modo di pensare. Un dilemma al centro del film del regista di origini italiane Vincenzo Natali, autore di quel capolavoro a basso budget che è stato The Cube (per fare giustizia nei suoi confronti, va precisato che i sequel non sono assolutamente opera sua). Un film che trae ispirazione dai controversi esperimenti di Irving Weissman, scienziato che tentò di combinare cellule madri con cellule ibride, studiandone i risultati e le implicazioni.

Splice racconta della progressiva e totale perdita di controllo da parte di una coppia di scienziati, Clive (Adrien Brody) e Elsa (Sarah Polley). I due stanno infatti lavorando a un progetto pilota per la creazione di un ibrido composto da DNA umano e animale per conto di una potente multinazionale. Vera star del film è però la creatura stessa (interpretata da Delphine Chanéac), cresciuta in poche settimane fino all’età adulta dai due che saranno costretti a confrontarsi con i risultati di un progetto pilota che si rivelerà incontrollabile.

I comportamenti della creatura, chiamata Dren, e inizialmente trattata con affetto, saranno sempre in bilico tra umano e animale, facendo capire molto in fretta che la coppia non è affatto preparata a crescerla. Un essere bioingegnerizzato capace di cambiare sesso quando ciò è necessario (dono datole dal DNA di una lumaca) che metterà a durissima prova il rapporto tra i due scienziati. La spirale di eventi che si dispiegano in questo vortice conflittuale sfoceranno nel disprezzo e poi in una violenza sempre più carnale, per giungere a un finale che – in linea con un’indole profondamente umana – proverà come l’esperienza vissuta non sia servita a nulla.

Parliamo di un film dal ritmo incalzante, sorretto da interpretazioni mirabili e da un design davvero notevole. La protagonista non umana della storia è infatti stata volutamente disegnata in modo tale da risultare più o meno animale a dipendenza delle sue azioni. Non sarà possibile scollarle gli occhi di dosso per via della sua curiosa bellezza, ma allo stesso tempo non sarà mai facile o possibile “abbassare la guardia” nei confronti di una creatura diversa da noi quel tanto che basta per allertare, anche a giusta ragione, i nostri istinti di sopravvivenza.

Le cupe atmosfere del film donano al film una suspense quasi asfissiante, sfruttando il nostro inconscio per tenerci costantemente in bilico sul palese e imminente disastro. “È in disastro che tutti temono, una nuova specie che gira libera per il mondo”, afferma profeticamente il personaggio interpretato da Adrien Brody. A mio avviso, Splice, riesce a combinare con sapienza l’emotività di un film drammatico, il cupo senso di angoscia di un horror e spunti filosofici di facile comprensione anche per quegli spettatori alla ricerca di qualcosa che non risulti troppo impegnativo o sofisticato.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!