Mezzo milione di dettagli sfuggiti a Fontana…

Di

Oh, ci mancava. Grazie a Report salta fuori un’altra gran bella pagina dell’amministrazione Fontana.

È infatti venuto fuori un fatto curioso: la Regione Lombardia, ad aprile, ha deciso di acquistare camici e vestiario inerente all’ambito sanitario per la bellezza di mezzo milione di euro.

Con affidamento diretto ad una società.

Ad una società riconducibile a moglie e cognato di Attilio Fontana.

Sembra surreale, ma così è: la Regione di Fontana doveva sborsare mezzo milione di euro ad una società riconducibile a moglie e cognato di Fontana.

Roba virtualmente da Belize. Che si fa fatica a concepire.

Poi, a fine maggio, una piccola magia: scusate, ci siamo sbagliati. Era una donazione. Storniamo le fatture. Facciamo finta non sia successo niente.

Si sono sbagliati, dicono.

Così come Fontana, dice, non sapeva nulla del fatto.
Ma ora, seriamente, come fa il governatore della Lombardia a non essere a conoscenza di acquisti per un ammontare di mezzo milione di euro? E, altrettanto grave, come fa la moglie (che si presume viva con lui) o il cognato a non aver menzionato a lui il piccolo dettaglio di dover fatturato a carico della regione mezzo milione di euro? E si parla di un mese, eh.

È una cosa a cena, tra il primo e il secondo, forse ti scappa come dettaglio.

Siamo al surreale.

E davvero di fronte ad una situazione generale, consentiteci, che davvero rischia di far scuola non per tutte le regioni d’Italia.

Ma d’Europa

Leonardo Cecchi

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!