Poker d’assi per i morti di covid

Sappiamo che le cifre possono essere ballerine, che vanno valutate le percentuali, che ci sono molte variabili. Non può però sfuggire, neanche allo sguardo più distratto, che a dirigere la classifica dei morti e dei contagi (c’è anche la Russia con meno decessi ma con quasi 600’000 casi) ci sono 3 Paesi i cui leader appartengono a quella specie di internazionale sovranista che ormai conosciamo bene.