Reimpariamo a nuotare

Di

Lo spunto di oggi nasce da un articolo di Repubblica: “Dove sono finiti gli abbracci che non ci siamo dati”. Ve la faccio breve, il confinamento ci ha allontanati gli uni dagli altri, ci ha rallentato in tutto, nel lavoro, nell’evoluzione, anche nella sfera affettiva. Il famoso lockdown ci ha “regalato” soprattutto paura, la paura di darsi agli altri. Siamo fermi, in attesa di vedere cosa succede, nella vita professionale e privata.

Il giornalista parla di abbracci persi, nascosti dietro a nuvole nere e  di molti di noi in attesa che qualcosa o qualcuno faccia ripartire la macchina al posto nostro. Ma l’articolo non è poi così negativo come sembra, conclude con una semplice, banale verità: non state a riva, iniziate a nuotare.

Il senso è tutto qui: iniziamo a nuotare, spazziamo le distanze, soffiamo sulle nuvole e riprendiamoci gli abbracci, facciamolo. Insieme.  

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!