Gli Yakuti, un popolo liquefatto

Di

La Yakutia, con il suo milione di abitanti e ventimila renne, è una regione paragonabile a un mare bianco che si estende nella Siberia nord-orientale. Con temperature che possono arrivare fino a -60°C. Eppure la terra degli Yakuti è una terra ricca di preziose materie prime. Oro, petrolio, carbone e soprattutto diamanti, di cui è la prima produttrice al mondo con un quarto delle estrazioni globali.

Un luogo ancora oggi estremamente ricco, forse perché, proprio come sostengono gli Yakuti: “quando Dio ha sorvolato la Yakutia un giorno d’inverno, le sue mani si sono congelate e ha lasciato cadere tutti i suoi tesori”. E l’inverno lì dura dodici mesi anche se purtroppo, in maniera inesorabile e inarrestabile, il surriscaldamento globale si fa sentire sempre di più. La situazione peggiora di giorno in giorno.

Così, da coloro che hanno fatto di tutto per vivere in armonia con la natura, non certo cercando di sottometterla, i cambiamenti climatici sono innanzitutto percepiti come un segnale d’allarme inequivocabile. “Siamo padroni del nostro territorio ma – ammonisce un eremita della taiga – non possiamo controllare la natura, che riconquista sempre i suoi diritti”. Prima che la lastra di ghiaccio si faccia sempre più sottile, rischiando di spezzarsi sotto il peso della nostra ignoranza, prendiamo anche noi esempio da loro. Facciamolo, prima che pure gli Yakuti si siano liquefatti per sempre.

Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!